Coronavirus, dallo Spallanzani di Roma arrivano buone notizie

Coronavirus, il direttore sanitario dello Spallanzani di Roma ha rilasciato alcune dichiarazioni in cui ha spiegato la situazione nella capitale.

L’Italia continua ad essere in piena emergenza. Il “Bel Paese” è al momento la Nazione europea con più casi di coronavirus. Il Covid-19 sta mettendo in ginocchio la nostra economia e soprattutto sta mettendo a dura prova il sistema sanitario. In Lombardia (la zona rossa), ad esempio, i posti letto iniziano a scarseggiare. Nel Lazio, e precisamente a Roma, la situazione è sicuramente meno critica. Lo Spallanzani ha emanato in giornata il trentanovesimo bollettino medico per fare il punto della situazione. Da fine gennaio, l’istituto di malattie infettive pubblica ogni giorno gli aggiornamenti legati al nuovo coronavirus. “In questo momento sono ricoverati presso il nostro Istituto 88 pazienti. I pazienti Covid 19 positivi sono in totale 65, inclusi i 9 pazienti che necessitano di supporto respiratorio. In particolare per alcuni di loro Il quadro clinico è stabile o in netto miglioramento”. Nel bollettino è possibile leggere anche le buone notizie sui casi negativi: “In giornata sono previste diverse dimissioni di pazienti già negativi al primo test e comunque asintomatici”.

Leggi anche –> Coronavirus, evacuato un palazzo: le immagini virali – VIDEO

Coronavirus Roma, le parole del direttore sanitario dello Spallanzani

Il direttore sanitario dello Spallanzani, Francesco Vaia, ha rilasciato alcune dichiarazioni per commentare il bollettino odierno: “Ci stiamo organizzando per sostenere l’eventuale picco epidemico e siamo pronti. I numeri di oggi a Roma ci inducono ancora ad un cauto ottimismo”. Allo Spallanzani di Roma, va ricordato, sono guariti i primi due pazienti risultati positivi in Italia, precisamente lo scorso 29 gennaio. I protagonisti della vicenda sono stati un uomo e una donna di nazionalità cinese. Sempre nell’istituto romano è stato tenuto in osservazione un ricercatore emiliano -primo italiano risultato positivo al nuovo Covid-19 che fece rientro da Wuhan.

Leggi anche –> Coronavirus, il rianimatore: “Fare una cosa sola per fermarlo in 15 giorni”

Impostazioni privacy