Nuovo Dpcm del governo: le novità introdotte dal 14 aprile

A seguito del nuovo Dpcm del governo, come comunicato ieri dal premier Giuseppe Conte, riaprono cartolerie, librerie e negozi per bambini. 

COVID_19
SPESA (GETTY IMAGES)

Arrivano da martedì 14 aprile i primi spiragli durante il lockdown del Covid 19, che viene prorogato fino al 3 maggio. Rimangono quindi tutti i limiti agli spostamenti, lo stop alle attività produttive non essenziali e la chiusura delle scuole. Le Regioni possono sempre emettere ordinanze più restrittive di quelle dello Stato. Per consentire alla cartolerie di rifornirsi riapre il commercio all’ingrosso di carta e della cancelleria. Riaprono librerie e negozi per bambini. Il Dpcm del governo indica la necessità di usare guanti usa e getta per fare la spesa e le mascherine in tutte le fasi lavorative in cui non si possa tenere la distanza. Nei negozi di 40 metri quadri o meno si entrerà uno alla volta e con la presenza di due operatori al massimo. Si prevede anche l’ampliamento delle fasce orarie per scaglionare gli accessi. Sarà obbligatorio per le attività commerciali che riapriranno fornire il negozio di gel igienizzante per le mani.

LEGGI ANCHE -> Giuseppe Conte attacca Meloni e Salvini e reti unificate Il VIDEO virale

Dpcm del governo: continua lo stop agli spostamenti

Pasqua e pasquetta
Spesa (GETTY IMAGES)

Per altre tre settimane, quindi, bisognerà ancora restare a casa, salvo esigenze lavorative, motivi di salute e altre necessità. Rimangono chiusi bar, pub, ristoranti e discoteche. Vietati anche gli spostamenti verso le case di vacanza. È confermato lo stop per tutte le attività sportive e anche gli allenamenti dei professionisti. È consentita soltanto l’attività fisica nei dintorni della propria abitazione, mantenendo le distanze e da soli. Chi rientra in Italia avrà l’obbligo di isolamento fiduciario anche se non ha sintomi. È prevista la possibilità di spostamenti per lavoro di 5 giorni al massimo.

LEGGI ANCHE -> Giorgia Meloni risponde a Conte: benvenuti in Corea del Nord

scaffale
spesa (getty images)

Resta confermato lo stop per le navi da crociera e bisognerà consegnare una dichiarazione, al momento della partenza dall’estero, ai vettori che dovranno effettuare la misurazione della temperatura corporea e bloccare chi ha la febbre.