Nuova soluzione: la trasfusione. “Risultati sorprendenti”

La nuova terapia è la trasfusione. La sperimentazione è stata fatta in alcuni ospedali lombardi. “Si guarisce dopo sole 48 ore”

trasfusione
covid19 (Getty Images)

Nuovi studi. Nuove sperimentazioni. La terapia della trasfusione di plasma dei soggetti guariti dal Covid-19 sembra funzionare. In alcuni ospedali lombardi sono stati curati così alcuni pazienti in gravi condizioni, a causa dell’infezione da nuovo coronavirus. Il paziente tipo per il trattamento è il malato di Covid-19, con un’insufficienza respiratoria media o seria, a rischio peggioramento, che viene assistito nella respirazione. La trasfusione del plasma iperimmune ha un effetto positivo sui soggetti che devono aver sviluppato la malattia da non più di 10 giorni. La terapia è impegnativa a partire dalla selezione di donatori.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Dimessi perché guariti e poi la sorpresa…di nuovo positivi

Trasfusione, la nuova terapia per il covid-19

trasfusione
laboratorio (getty images)

La cura è una terapia di emergenza, sperimentata per cercare di salvare i malati critici. Consiste nella trasfusione di plasma iperimmune, donato dai pazienti guariti dal Covid-19, e infuso direttamente nelle vene dei pazienti ricoverati. È la tecnica usata al Policlinico San Matteo di Pavia e all’ospedale Carlo Poma di Mantova. “Si tratta di una terapia di emergenza – precisa Franchini,responsabile dell’Immunoematologia e Medicina trasfusionale del Poma – ma noi abbiamo realizzato un protocollo d’emergenza: è un lavoro rigoroso che segue le indicazioni del Centro nazionale sangue.  – continua – Il risultato è una terapia specifica e mirata, all’insegna della massima sicurezza“. Secondo quanto riporta Libero, il protocollo prevede infusioni da 200 a 600 ml di plasma una volta al giorno per tre giorni.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Il Professor Remuzzi avverte: “Riaprire tutto significa nuovi contagi”

TRASFUSIONE
Covid-19 (Getty Images)

La cura è una sperimentazione. Per confermare la validità di tale terapia servirebbe un numero di pazienti maggiore, che dimostrino il miglioramento e la guarigione grazie a questa cura.