Modello 730: ampliato l’ambito soggettivo

Il decreto Rilancio ammette la presentazione del Modello 730 nella modalità ‘senza sostituto d’imposta’ anche dove è presente il datore di lavoro che possa fare il conguaglio sul cedolino paga.

Come gestire i risparmi in caso di default
Ombrello salva soldi (foto Pixabay)

Considerata l’emergenza Covid-19 e dato il livello di crisi economica che sta investendo le imprese e che potrebbe determinare anche l’impossibilità per molti sostituti di fare i conguagli derivanti dalla presentazione del 730, con una misura apposita del decreto Rilancio del governo del 13 maggio 2020, viene ampliata la platea dei contribuenti che possono avvalersi del modello dichiarativo nella modalità ‘senza sostituto d’imposta’. È stata prevista la possibilità di presentare il Modello 730/2020 ‘senza sostituto’ anche in presenza di un sostituto d’imposta.

LEGGI ANCHE -> Dal 3 giugno l’Italia riaprirà le frontiere

Chi presenterà il 730

DECRETO RILANCIO
Soldi in mano (foto Pixabay)

Dal 5 maggio è disponibile l’accesso al Modello 730/2020 precompilato e dal 14 maggio è possibile accettare o modificare e inviare il modello dichiarativo fino al 30 settembre. Possono presentare la propria dichiarazione redditi per tramitare il modello 730 i seguenti soggetti: pensionati o lavoratori dipendenti; le persone che ricevono indennità sostitutive di reddito di lavoro dipendente; i soci di cooperative di produzione e lavoro, di servizi, agricole e di prima trasformazione dei prodotti agricoli e di piccola pesca; sacerdoti della Chiesa cattolica; i giudici costituzionali, parlamentari nazionali e altri titolari di cariche pubbliche elettive; le persone impegnate in lavori socialmente utili; i lavoratori con contratto di lavoro a tempo determinato per un periodo inferiore a un anno;

LEGGI ANCHE -> Decreto Rilancio: busta paga, bollette, imu. Cosa cambierà

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche su sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter

fase 2 bonus
soldi (Getty Images)

il personale della scuola con contratto di lavoro a tempo determinato e i produttori agricoli esonerati dalla presentazione della dichiarazione dei sostituti d’imposta (modello 770), Irap e Iva.