L’Oms avverte l’Europa: “Non bisogna abbassare la guardia, il virus tornerà in inverno”

L’Oms: “Con l’arrivo dell’inverno l’Europa potrebbe fare i conti con una nuova emergenza: il virus potrebbe tornare a colpire”.

Covid-19 mascherine utili a evitare contagio diffusione virus
Mascherine (Getty Images)

Il Covid-19 sembra aver dato una tregua in Italia e nel resto del mondo. I casi d’infezione, che si sono abbassati ovunque, fanno sperare per un’estate tranquilla. Tutti sono consapevoli del fatto che ci sia bisogno di rispettare delle regole che si sono dimostrate efficaci nel contenimento del Coronavirus. L’Oms, nonostante ciò, è preoccupata: I Paesi dell’Unione Europea stanno allentando le restrizioni in maniera rapida e si potrebbe dire che quasi festeggiano una vittoria che in realtà non c’è mai stata. Non bisogna abbassare la guardia. “Singapore e il Giappone hanno capito prima che non è ora il momento di festeggiare – ha commentato Hans Kluge, direttore regionale dell’Oms in Europa – ma è il momento di prepararsi. I Paesi scandinavi lo stanno facendo, non escludono che vi sia una seconda ondata ma sperano che sia localizzata e che possano superarla in maniera rapida”.

LEGGI ANCHE -> Il direttore di Igiene dell’ospedale di Genova: A giugno non ci saranno contagi

L’Oms: “Potremmo avere il Covid e l’influenza stagionale”

Virus ricerca guariti pazienti anticorpi
(Getty Images)

Stando a quanto dice Kluge nei prossimi mesi il Vecchio Continente potrebbe fare di nuovo i conti con una seconda ondata di Covid-19 potenzialmente peggiore della prima per quanto riguarda i morti. Per il direttore regionale dell’Oms in Europa, che ha rilasciato un’intervista al Telegraph: “In inverno potremmo averne una di Covid e un’altra di influenza stagionale, o morbillo”.

LEGGI ANCHE -> Secondo un gruppo di ricercatori il collutorio distrugge il virus

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche su sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter

plasmaterapia
COVID19 (Getty Images)

Fino a questo momento solo la Spagna sembra aver seguito scrupolosamente le indicazioni dell’Oms.