Emily Ratajkowski, il commovente omaggio su Instagram Foto

Emily Ratajkowski ha postato su Instagram un omaggio a George Floyd: la foto di una parete con la scritta “Rip George Floyd”. 

 

Ver esta publicación en Instagram

 

DISMANTLE POWER STRUCTURES OF OPPRESSION #defundthepolice #justiceforgeorgefloyd #blacklivesmatter

Una publicación compartida de Emily Ratajkowski (@emrata) el

Emily Ratajkowski ha pubblicato sul proprio profilo Instagram una foto di una parete con la scritta azzurra disegnata sopra “Rip George Floyd” e la didascalia: “DISMANTLE POWER STRUCTURES OF OPPRESSION” “Smantellare il potere delle forme di oppressione”. In riferimento alla triste e assurda vicenda dell’assassinio di George Floyd, l’afroamericano 46 enne ucciso a Minneapolis nel Minnesota pochi giorni fa da un poliziotto che lo ha soffocato premendogli il ginocchio tra il collo e il torace. A nulla sono valse le richieste di aiuto dello stesso Floyd che implorava alla polizia di fermarsi perché non riusciva a respirare, con un “I can’t breathe” detto forte fino ad affievolirsi in un sibilo per poi spegnersi nel momento in cui l’uomo ha smesso di respirare.

LEGGI ANCHE ->  George Floyd, scontri e tanto sangue | Uccisi un 19enne e un agente

Emily Ratajkowski ha preso molto a cuore l’omicidio di George Floyd

 Due giorni fa Emily Ratajkowski ha pubblicato un altro post di omaggio a George Floyd. Un dipinto raffigurante il 46enne ucciso dalla polizia in Minnesota. La didascalia alla foto è stato il seguente sentito pensiero: “NO JUSTICE, NO PEACE. The system that protects and allows for the senseless murders of black people in this country needs to be dismantled. Call and demand the arrest of George Floyd’s murderers. Educate yourself on the history of racism, oppression and police brutality in our country. Find groups who are taking action and ask what you can do to help. George Floyd 1974-2020”. “Nessuna giustizia, nessuna pace. Il sistema che protegge e consente gli insensati omicidi di neri in questo paese deve essere smantellato. Chiamare e chiedere l’arresto degli assassini di George Floyd. Educare se stessi sulla storia del razzismo, l’oppressione e la brutalità della polizia nel nostro paese. Trovare gruppi che stanno agendo e chiedere cosa si può fare per aiutare. George Floyd 1974-2020”. 

LEGGI ANCHE -> George Floyd, l’urlo straziante dell’America per bene

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche su sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter

George Floyd
(GettyImages)

Riposa in pace, George.