«Covid creato in laboratorio, Pechino sapeva tutto»: la denuncia della virologa cinese

Secondo una virologa cinese Il Covid-19 è stato creato in laboratorio a Wuhan. «Presto sarò in grado di fornire le prove» ha detto. 

Li-Meng Yan
Li-Meng Yan (Foto dal web)

La virologa cinese Li-Meng Yang denuncia Pechino. «Il Coronavirus è stato creato in laboratorio a Wuhan» ha detto l’esperta in diretta tv. Non solo. Secondo la Yang, ricercatrice della Hong Kong School of Public Health, il governo cinese era a conoscenza della minaccia epidemiologica e ha nascosto tutto.

Parole forti, che la dottoressa ha pronunciato in collegamento con la trasmissione britannica Loose Women, in onda sul canale Itv. La virologa, che si trova in una località americana non specificata proprio per ragioni di sicurezza, ha aggiunto che presto sarà in grado di diffondere le prove della vera natura del virus.

Leggi anche -> Covid-19, il mondo ai piedi della pandemia: la previsione dell’OMS sull’Italia

Li-Meng Yan: «Presto avrò le prove»

Covid-19
Covid-19 (foto dal web)

Leggi anche -> Covid-19, l’Oms: “In Europa aumento dei decessi ad ottobre e novembre”

E ha assicurato: «Tutti, anche chi non è uno scienziato e non ha conoscenze approfondite di biologia, saranno in grado di comprenderle».

Parole forti, che la virologa ha già pronunciato. Infatti, non è la prima volta che la dottoressa accusa il governo cinese. Già a luglio Li-Meng Yang aveva detto che Pechino era al corrente del pericolo rappresentato dal Covid-19, ma aveva deciso di tenerlo nascosto per paura di ripercussioni.

C’è di più. A detta della virologa, un suo collega era a conoscenza di casi di contagio da uomo a uomo già dal 31 dicembre. Sarà vero? Non ci resta che aspettare le prove della dottoressa.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine Facebook,Instagram e Twitter