Israele, i bambini ritornano a scuola

Dopo aver chiuso le scuole poco tempo dopo averle aperte, ecco che lo stato di Israele è pronto a far tornare a scuola i bambini delle elementari.

Gerusalemme
Gerusalemme al tramonto (max_gloin da Pixabay)

Il Primo Ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, ha annunciato la decisione, presa assieme ai suoi fidati consiglieri, di riaprire le scuole per i bambini della scuola materna. Per quanto riguarda le sorti dei ragazzi più grandi e di quelli più piccoli, sappiamo che i primi verranno divisi in gruppi e i secondi andranno a scuola a giorni alterni secondo un programma che gli verrà poi reso noto una volta organizzato al meglio.  In questo modo si vuole minimizzare il più possibile il numero di persone per classe.

Leggi anche >>> Covid-19, Walter Ricciardi (Cts): “Vi dico chi ha sbagliato e perché”

Riaprono le scuole in Israele, cosa è accaduto

scuola
(Wokandapix da Pixabay)

Nello stato di Israele le scuole avevano riaperto il primo di settembre per dare ai giovani ragazzi la possibilità  di poter iniziare il nuovo anno scolastico in tutta tranquillità. Ma così non è stato. Poco dopo l’apertura la diffusione del coronavirus li costretti a chiudere e ad affidarsi alla didattica a distanza. Ed è così che il governo è stato costretto a chiedere il lockdown della durata di un mese. Questo ha costretto gran parte delle attività economiche alla chiusura per evitare che la situazione sfuggisse al controllo.

Ti potrebbe interessare anche >>>Coronavirus, l’allarme dei medici “la situazione è gravissima”

Gerusalemme
Gerusalemme (Walkerssk da Pixabay)

Forte dell’esperienza vissuta la prima volta durante l’apertura delle scuole, ora cerca di procedere con quanta più cautela possibile. In questo modo si vuole evitare di sottovalutare la situazione e ripetere precedenti errori. Un’altra chiusura sarebbe devastante. 

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.