Oggi è un altro Giorno, Loredana Bertè: “Ho subito violenza sessuale”

Ospite della puntata del 19 marzo di Oggi è un altro giorno, nel salotto pomeridiano di Rai 1 curato dalla giornalista Serena Bortone, c’è la regina del rock italiano: Loredana Bertè.

ascolti tv 9 marzo
La cantante Loredana Berté (Getty Images)

Loredana Bertè, all’anagrafe Loredana Carmela Rosaria Bertè, è ospite del programma televisivo del pomeriggio di Rai 1 condotto dalla brava giornalista Serena Bortone.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Oggi è un altro giorno, Gaudiano: “Il mio dolore è stato fortissimo”

Loredana Bertè, la sua lotta contro la violenza di genere e quel terribile ricordo

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Loredana (@loredanaberteofficial)

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Oggi è un altro giorno, Claudio Gioè: “Quando l’avvocato di Riina disse che ero stato bravo”

Sono stata la madre e il padre di me stessa nel senso che mi sono fatta da sola. Con me è odio e amore, non si può piacere a tutti ma io mi accontento“. Inizia subito così la sua intervista con Serena Bortone la grande artista Loredana Bertè.

“Io spero che le donne abbiano un minimo del mio DNA, che siano intraprendenti, appassionate, curiose”. Ci tiene molto Loredana Bertè a sensibilizzare ed “educare” le donne all’indipendenza e alla libertà.

La sua canzone “Figlie di Loredana” che ha presentato all’ultima edizione del festival di Sanremo è l’inno alla libertà e all’indipendenza.

Quando sul palco dell’Ariston ho appoggiato quelle scarpe rosse sotto l’asta – ha detto Loredana Bertè – è perché non ne posso più di sentire notizie di femminicidi. Oltre che denunciare queste donne devono andarsene, devono girare e viaggiare”.

Un monito molto importante su una piaga che ci portiamo avanti da troppo tempo e Loredana Bertè ne sa qualcosa: “Lo sanno tutti che io sono stata violentata a 16 anni a Torino mentre ero in turneè e io massacrata di botte sono riuscita a uscire a liberarmi, mi sono riversata per le strade deserte della città e un tassista mi ha raccolta e mi ha portata in ospedale dove ci sono rimasta per ben 15 giorni”.

E poi continua con una frase che lascia nella voce della conduttrice molta emozione: “Quell’evento ha cambiato la mia vita – dice – sono ridiventata vergine, perché non ho mai più voluto uomini per cinque o sei anni“.

Loredana Bertè  è anche un’icona della provocazione. Nel suo ultimo video clip ha fortemente voluto l’imprenditrice digitale e influencer Chiara Ferragni che sta per ridiventare mamma.

Una donna incinta – dice la Bertè – non è contagiosa e nemmeno malata, anzi è più forte che mai perché sta per compiere un miracolo e dare la vita a un altro essere umano è proprio un miracolo. Noi donne infatti siamo nettamente superiori ai maschi.

Chiara Ferragni – continua Loredana Bertè – è davvero incinta e sta lavorando e facendo progetti incredibili, lei è una forza della natura e io l’ho voluta a tutti costi nel mio video perché rappresenta quel tipo di donna per cui ho un’ammirazione sfrenata perché mi ricorda la me stessa di quando avevo 20 anni”.

Io da giovane ero libero ma anche incosciente e una bella dose di incoscienza l’ho avuta ad andarmene di casa a 13 anni ma ero in buona compagnia: con Mimì e Renato“.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Loredana (@loredanaberteofficial)

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Infine ricorda la sorella Mimì, Mia Martini, morta prematuramente. “Mi sto accorgendo in questi ultimi anni di aver avuto la fortuna di essere stata la sorella di Mimì, quello che non le ho detto mai abbastanza è che le voglio bene anche perché mi avrebbe risposto: Che ti serve?”.

Io la sento vicino a me sempre – continua – specialmente prima di salire sul palco, la sento dentro me e non mi lascia mai. Dicono che il tempo cancelli il dolore o il ricordo ma non è vero, Mimì è sempre con me fin da quel giorno tragico“.

Laa bravissima cantante rock italiana poi racconta di essere molto divertita dal doppiaggio : “L’ho scoperto con la Famiglia Adams – dice -. Il mio più grande desiderio sarebbe quello di doppiare la Sposa Cadavere“.

Infine, Loredana Bertè si lascia andare a una confessione molto intima: “Io non mi piaccio mai, non mi voglio mai rivedere perché penso che potevo essere meglio, che potevo fare di più, studiare di più, sentire dei consigli degli autori“.