Coronavirus, il bollettino del 2 settembre: 6.761 nuovi casi e 62 morti

Il Ministero della Salute, nella giornata di oggi, giovedì 2 settembre, ha comunicato i numeri dell’epidemia da coronavirus in Italia tramite bollettino.

Bollettino coronavirus mappa regione
(Ministero della Salute)

Sul sito del Ministero della Salute è stato appena pubblicato il bollettino giornaliero contenente i dati dell’epidemia da coronavirus diffusasi in Italia. Stando all’odierno aggiornamento, i casi di contagio complessivi sono saliti a 4.553.241 con un incremento rispetto a ieri di 6.761 unità. Tornano in aumento i soggetti attualmente positivi che ad oggi ammontano a 136.898 (+320), così come i pazienti ricoverati in terapia intensiva: 555 in totale e 15 in più rispetto a ieri. Le persone guarite dall’inizio dell’emergenza sono 4.286.991 ossia 6.372 in più rispetto a ieri. Nelle ultime 24 ore si sono registrati 62 decessi che hanno portato il bilancio delle vittime totale in Italia a 129.352.    

La Regione Abruzzo, si legge nelle note, specifica che il decesso dichiarato in data odierna si riferisce ai giorni precedenti. La Campania comunica che 5 dei deceduti registrati oggi sono ascrivibili ad un periodo compreso tra marzo ed agosto 2021. L’Emilia Romagna ha eliminato 7 casi dal totale dei positivi (5 positivi a test antigenico ma non confermati da test molecolare e 2 non giudicati casi Covid-19). Inoltre è stato eliminato 1 decesso, in quanto erroneamente trasmesso.

La Provincia Autonoma di Bolzano segnala che 35 dei 64 nuovi positivi derivano da test antigenici successivamente confermati da test molecolare. La Puglia comunica che alcuni casi confermati da test antigenico, sono risultati successivamente anche confermati da test molecolare e, quindi, ricompresi tra questi. Infine, la Regione Sicilia segnala che i decessi dichiarati oggi si riferiscono ai giorni precedenti.

Coronavirus, bollettino: i numeri del Covid-19 in Italia di mercoledì 1 settembre

Stando ai dati del Ministero della Salute di ieri, i casi di contagio dall’inizio dell’emergenza erano saliti a 4.546.487.

Coronavirus
(Getty Images)

In calo, invece, i soggetti attualmente positivi che ammontavano a 136.578, così come i pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva: 540 in totale. Le persone guarite complessivamente erano 4.280.619. Si aggravava ancora il bilancio delle vittime che portava il totale a 129.290.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Covid-19, il bollettino dell’1 settembre: 6.503 nuovi casi di contagio e 69 decessi

Coronavirus, bollettino: i numeri del Covid-19 in Italia nella giornata di martedì 31 agosto

Secondo l’aggiornamento sull’epidemia diramato nella giornata di martedì, le persone risultate positive al virus dall’inizio dell’emergenza erano 4.539.991. Scendevano i soggetti attualmente positivi che risultavano essere 137.925, così pazienti ricoverati in terapia intensiva: 544 in totale. I guariti salivano a 4.272.845. Purtroppo, il bilancio totale delle vittime in Italia saliva a 129.221.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Coronavirus, il bollettino del 31 agosto: 5.498 nuovi casi e 75 vittime

Green Pass, scontro Letta-Salvini: la decisione del Carroccio infastidisce i Dem

La Lega ha votato per la soppressione del Green Pass. Una scelta in netta contrapposizione con quello che è il convincimento del Pd il quale addirittura ne vorrebbe un’estensione. Uno scontro a muso duro tra i due leader.

Enrico Letta, a capo dei Dem, legge nell’atteggiamento del Carroccio una sorta di controtendenza nociva per il Paese. In questo preciso momento storico – riporta Tgcom24- il Parlamento dovrebbe mostrarsi unito e lanciare messaggi univoci. Dovrebbe fungere da buon esempio e far comprendere alla popolazione la delicatezza del frangente.

Ma per Salvini non c’è nient’altro da dire se non che – per mero buonsenso- se proprio il Governo vuole optare per un mantenimento in vigore del Green Pass quantomeno che i tamponi siano gratis. A suo avviso non è possibile gravare sui cittadini i quali si trovano a dover spendere centinaia di euro a settimana per sottoporsi al test. Pare che tra le due fazioni non vi sia all’orizzonte una pronta conciliazione. Troppo diversi i loro punti di vista.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Green Pass, scontro Letta-Salvini: la decisione del Carroccio infastidisce i Dem

Terza dose, non è urgente: le dichiarazioni dell’Ema

Stando alle attuali evidenze scientifiche una terza dose di vaccino anti Covid-19 non sarebbe necessaria nella popolazione generale. Questo – riferisce la redazione de Il Sole 24 Ore– il parere espresso dall’Ema in merito alla possibilità di un imminente ulteriore richiamo. In una nota congiunta con il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, è stato precisato invece che potrebbe essere utile, invece, nei soggetti con sistema immunitario debole.

Un dibattito aperto, quindi, che a breve però potrebbe trovare soluzione soprattutto per quei soggetti che hanno ricevuto la vaccinazione agli inizi della campagna.

Renzi, ai vaccinati nessuna quarantena: la proposta del leader di Italia Viva

Una proposta forte quella di Matteo Renzi. Stando a quanto riportato dall’agenzia Ansa il leader di Italia Viva avrebbe affermato che i soggetti vaccinati che vengono in contatto con positivi non dovrebbero essere sottoposti a quarantena.


Un’affermazione che non va decontestualizzata ma letta nel discorso generale di Renzi il quale ha fatto notare come se non si opererà così nel settore scuola si tornerà in Dad prima di subito.