Barcellona in crisi nera, l’assenza dell’idolo si fa sentire. Cosa sta succedendo

Il Barcellona non è più la squadra temibile di una volta. L’inizio turbolento di stagione è il segnale di una barca che sprofonda: nostalgia del suo vecchio idolo.

Philip Coutinho con la casacca blaugrana
Philip Coutinho con la casacca blaugrana (Instagram)

Tempi duri, anzi durissimi per il grande Barcellona della gestione Laporta. Il club canterano sembra non abbia ancora assorbito le scorie della batosta economica, alla quale ha dovuto far fronte questa estate.

Il club ha dovuto tarpare le falle per evitare che la “barca” affondasse in un sol colpo dal punto di vista economico. Il fair play finanziario imposto dal numero uno blaugrana sembra abbia indirizzato la società verso una flebile ripresa, ma nessuno ha ancora fatto i conti con il campo.

La rosa a disposizione di Koeman, sempre più sulla graticola per gli scarsi risultati raccolti nelle prime giornate, con il 3-0 subito in Champions League ai danni del Bayern Monaco, come “ciliegina sulla torta” di un inizio di stagione completamente disastroso, presenta giocatori ancora troppo acerbi per costruire un percorso di vertice

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE —–> Ligue 1, PSG, successo in rimonta ma è polemica: bufera sui rigoristi

Barcellona in crisi, la classifica deficitaria parla chiaro: pesa l’assenza del loro vecchio idolo

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Ronald Koeman (@ronaldkoeman)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Champions League, flop PSG. Pochettino: “Non siamo una squadra” 

Probabilmente siamo di fronte al Barcellona più fragile degli ultimi dieci anni della gestione Laporta. 

La rosa a disposizione di Koeman del dopo “Messi“, idolo leggendario della tifoseria blaugrana è ancora alle prese con le ferite da rimarginare, di un mercato non all’altezza come negli ultimi anni.

L’ex jolly del Barcellona, oggi al Paris Saint Germain con qualche malumore sulla bisaccia non è stato rimpiazzato con un innesto all’altezza della situazione. La sua assenza, soprattutto nell’ultima partita dove il Barça non è andato oltre l’1-1 casalingo contro il Granada si è fatta sentire eccome.

Il presidente del club ha adottato la linea “verde”, puntando sulla crescita dei canterani. Una scelta forse un po’ troppo azzardata, senza un punto di riferimento in grado di farli ruotare nella giusta maniera.

Sponsor ufficiale del Barcellona
Sponsor ufficiale del Barcellona (Instagram)

I malumori all’interno dello spogliatoio iniziano già a farsi sentire. Si parla di un Laporta nervoso dietro le quinte degli uffici della società. La situazione sembra assai preoccupante e pensare che non abbiamo ancora superato il mese di Settembre.