Gabby Petito: mandato di arresto per il fidanzato Brian Laundrie

L’FBI ha emesso un mandato d’arresto federale per il fidanzato di Gabby Petito per “uso di dispositivi non autorizzati” dopo la sua morte.

Polizia Usa
Polizia Usa (Getty Images)

Proseguono le indagini sulla scomparsa di Gabby Petito, denunciata lo scorso 11 settembre. L’ultimo aggiornamento della polizia federale degli Stati Uniti risale a questo giovedì 23 settembre, con l’annuncio del mandato di arresto di Brian Laundrie da parte dell’FBI. Il fidanzato della vittima, 23 anni, attivamente ricercato dalle autorità locali dallo scorso venerdì 17 settembre, è oggi accusato di frode bancaria interstatale e possibile coinvolgimento nell’omicidio di Gabrielle Gabby Petito, la cui salma è stata rinvenuta nella foresta di Wyoming.

NON PERDERTI ANCHE >>> Allarme clima, Boris Johnson all’ONU: “Cop26 è l’ultima chance”

L’appello dell’agente Michael Schneider

 

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Patto Aukus: Macron e Biden verso il ripristino della fiducia

L’aggiornamento è stato confermato dalla polizia federale, le cui dichiarazioni confermano la notizia del mandato di arresto da parte dell’FBI. Secondo quanto riportano le fonti ufficiali, il 23enne è accusato di aver utilizzato dispositivi non autorizzati della vittima dopo la sua morte. L’imputazione arriva dopo una complessa operazione di ricerca. Inizialmente considerato come possibile “persona d’interesse” nel caso della scomparsa di Gabby, Brian Laundrie passa all’incriminazione dopo il ritrovamento e la conferma dei resti dell’influencer 22enne.

Il ragazzo risulta essere difatti l’ultima persona ad aver visto Gabrielle Petito. Secondo quanto riportano i media locali, la coppia era partita in furgone per passare 4 mesi di avventura negli Stati Uniti. Con la fine del periodo estivo, Brian Laundrie ha fatto ritorno in Florida senza di lei prima di sparire definitivamente. La salma della ragazza è stata rinvenuta domenica 19 settembre alla Spread Creek Dispersed Camping Area, nella foresta nazionale di Bridger-Teton, al confine orientale del Grand Teton National Park. Le ricerche dell’accusato si concentrano invece in una riserva paludosa della Florida.

“Esortiamo chiunque abbia informazioni su Brian Laundrie, sul suo ruolo in questo caso, o su dove si trova ora, a contattare l’FBI”, ha aggiunto in una nota l’agente Michael Schneider, invitando chiunque sappia a collaborare con la polizia: “Mentre il mandato di arresto consente alle forze dell’ordine di arrestare il signor Laundrie, l’FBI e i nostri partner di tutto il Paese proseguono le indagini per accertare cause e circostanze dell’omicidio della signorina Gabrielle Petito.”

Polizia Usa
(Getty Images)

La ricerca di Brian Laundrie si è rivelata estremamente complicata a causa del terreno paludoso della riserva che rallenta sensibilmente il proseguimento delle indagini. L’operazione è supportata da cani, droni e fuoristrada.

Fonte BBC

 

Fonte BBC