“Vi devo ammazzare”, professore riempie di botte due 15enni: chiesto il rinvio a giudizio

Professore sotto processo per un violento scenario accaduto in classe dove due alunni di 15 anni sono stati colpiti da una mazza da baseball.

Foto Pixabay – YESLIFE.IT

Rinviato a giudizio per aver colpito due alunni della sua classe con una mazza da baseball. Si tratta di una storia violenta che ha del noir. L’insegnante, che è stato sospeso dalla scuola e poi licenziato, avrebbe reagito al lancio di alcuni petardi all’interno del suo giardino.

Stando alla ricostruzione dei fatti, l’uomo avrebbe quindi reagito ad un atto di violenza prendendo una mazza da baseball inseguendo i ragazzi e colpendoli violentemente. L’inchiesta a carico dell’insegnante di Brescia prosegue e la notizia è stata divulgata dal Giornale di Brescia. I due ragazzi, rei di aver infastidito la tranquillità del professore, lanciando petardi nel suo giardino di proprietà, avrebbero riferito ferite consistenti.

“Vi devo ammazzare e vi lascio come cani”, le parole del prof sono raggelanti

Foto Pixabay – YESLIFE.IT

Secondo quanto emerge dai fatti e come riporta Il Giornale, l’insegnante nell’impeto della rabbia violenta avrebbe detto ai due ragazzi parole devastanti.

“Niente basta, vi devo ammazzare e vi lascio come cani”

Parole che piombano sulla ricostruzione di un gesto violento a carico dell’insegnante. I ragazzi, al ricevere le botte della mazza da baseball usata dal loro prof avrebbero quindi implorato di smettere.

Ma, accecato dalla rabbia, non si sarebbe più fermato. 27 punti in testa per i due quindicenni ora coinvolti nelle indagini.

“Era esasperato!”, la difesa parla di atti di bullismo nei confronti del professore ripetuti

Il referto del Pronto soccorso parla chiaro. I ragazzi avrebbero subito violenze tali da rivedere 27 punti di sutura sulla testa. “Poteva ammazzarmi”, ha dichiarato uno dei due, come riporta Il Giornale.

23 mazzate almeno con colpi sferrati con violenza alla terra. L’insegnante, sospeso dall’istituto scolastico sarà condotto a processo il 23 febbraio prossimo.

Foto Pixabay – YESLIFE.IT

I ragazzi si sarebbero poi nascosti in un negozio, del padre di un amico per evitare il peggio. Nell’indagine sono finite le immagini che testimoniano i fatti accaduti. Si tratterebbe di episodi di bullismo ripetuti. Ora il professore è rinviato a giudizio.

CARO BOLLETTE, COME RISPARMIARE . IL VIDEO ALL’INTERNO DEL TG DI YESLIFE

Impostazioni privacy