Coronavirus, Heather Parisi rivela: “La mia vita stravolta”

Heather Parisi e il coronavirus: “La mia vita stravolta”

Heather Parisi racconta la sua vita completamente stravolta dall’allarme del Coronavirus che ha sta facendo tremare tutto il mondo. Il terrore dell’epidemia si dilaga sempre di più, e la showgirl americana vive dal 2010 ad Hong Kong insieme al marito Umberto Maria Anzolin e ai suoi due figli piccoli. In questo periodo sta vivendo con il rischio concreto del contagio. “La mia vita si svolge tra il tinello e la cucina di casa. Trascorro il tempo a leggere, a cucinare e ad insegnare ai miei gemelli che fanno home-schooling da quando avevano cinque anni”. Tra l’altro, ha rivelato che in tanti stanno cercando di lavorare da casa per non rischiare di essere contagiati.

Beautiful, che fine ha fatto Ridge? Ronn Moss dopo l’incidente –> LEGGI QUI

“Ecco com’è la vita ai tempi del coronavirus”

“Gli studenti frequentano le lezioni da casa in remoto, utilizzando il computer e rispettando l’obbligo, quando sono collegati, di vestirsi in maniera appropriata e senza indossare il pigiama” ha inoltre rivelato che i luoghi di passaggio ogni giorno vengono decontaminati.

“Ascensori e scale vengono sterilizzati ogni due ore e tutti si disinfettano le mani prima di entrare in un edificio pubblico. La temperatura oramai viene misurata ovunque. È necessario farlo per accedere a qualsiasi club privato, così come per andare dal parrucchiere o al ristorante. Io la misuro anche a chi viene a trovarmi a casa, benché la mia vita sociale si sia ridotta davvero ai minimi termini. Fino ad oggi non ho ancora respinto nessuno sulla porta di casa e non sono stata respinta da nessuno, ma dovreste vedere la paura e l’imbarazzo negli occhi di ciascuno durante l’attesa del responso della misurazione. Non ci si bacia, non ci si abbraccia e non ci si stringe nemmeno la mano.”

“La prevenzione e l’attenzione ai minimi dettagli è talmente invasiva da entrarti fin dentro agli aspetti più intimi e privati della vita quotidiana. È stato rilevato che il virus può trasmettersi attraverso la nebulizzazione delle acque utilizzate nel pc e ogni condominio ha vietato l’uso a persone esterne. Ho supplicato il direttore del supermercato sotto casa di tenermi un po’ di carta igienica da partee quando l’ho ritirata l’ho divisa con indiani, cinesi e filippini. I prodotti per razionati non si possono acquistare più di due a testa. Mio figlio Dylan ha scoperto dei negozi dove riesce a comprare del disinfettante e ogni volta torna a casa orgoglioso. La felicità ai tempi del coronavirus è anche una bottiglia di disinfettante in più”.