Coronavirus, il virologo Burioni: “C’è un solo modo per fermarlo”

Il virologo Roberto Burioni in un video del 21 febbraio, pubblicato sul sito Medicalfacts, ha parlato dei casi di contagio da nuovo coronavirus in Italia.

Coronavirus
(Getty Images)

I casi di contagio in Italia da nuovo coronavirus crescono di ora in ora. I numeri parlano di 130 soggetti infetti, due dei quali deceduti. La paura e l’ansia crescono: la possibilità che si possa giungere ad un’epidemia di vaste proprorzioni è sempre più concreta. Tuttavia, l’invito è quello di non farsi prendere dal panico e cercare per quanto possibile di mantenere la calma. Sul punto si è espresso il noto virologo Roberto Burioni tramite un video pubblicato su Medicalfacts. Il Professore ha parlato di come la politica abbia avuto un primo approccio molto superficiale e di cosa fare ora che il virus è in Italia.

Leggi anche —> Il coronavirus e la sua letalità in uno studio

Coronavirus, parla Roberto Burioni: “La notizia che speravamo di non dover dare è arrivata”

La notizia che speravamo di non dover dare è arrivata. Il virus è arrivato in Italia come avevamo previsto, dalla Cina“. Con queste parole il virologo Roberto Burioni apre il suo video del 21 febbraio su Medicalfacts. L’esperto prosegue parlando di come si sia concretato il contagio: “Una persona è arrivata dalla Cina, sana ma in periodo di incubazione, e ha infettato un italiano dopo essere stati a cena“. Il professo Burioni passa poi all’invettiva: “Erano quindi sbagliate alcune declamazioni tranquillizzanti di certi politici. Non bisogna prendere questa cosa alla carlona” facendo riferimento al fatto che la questione è stata trattata con leggerezza dalle istituzioni. Ma qual è per il professore l’unico modo per scampare all’epidemia? “La quarantena è l’unico modo di bloccare l’arrivo di questo virus. Seconda cosa dobbiamo far sì che da questi primi casi non ne nasca una catena di contagi. Per questo seguiamo le indicazioni. Sperando che i politici non si abbandonino a faciloneria tranquillizzanti che caratterizza anche alcuni virologi della domenica che credono di capire tutto della virologia dopo aver sostenuto al massimo un esame al secondo anno“. L’attacco è rivolto anche nei confronti di alcuni colleghi, rei ad avviso del Professor Burioni di parlare senza cognizione del nuovo coronavirus e di virologia più in generale. L’esperto conclude dicendo: “Gli esperti dicono questo, gli esperti indipendenti. Niente panico ma prudenza. Attenzione è un piccolo passo che il virus è riuscito a fare ma non dobbiamo concedergliene altri“.

Leggi anche —> Coronavirus, in Italia il maggior numero di contagi: spiegato il motivo

Coronavirus
(Getty Images)