Il tanto atteso green new deal italiano

A breve un vero e proprio green new deal in Italia potrebbe avere luogo grazie a un piano d’azione lanciato dalla Commissione Europea. La finalità principale è chiaramente quella di supportare le iniziative economiche che abbiano un impatto positivo sull’ambiente.

Il tanto atteso green new deal italiano
Erba (foto Pixabay)

L’idea che c’è alla base di questo green new deal italiano è che sia possibile contrastare i cambiamenti climatici mentre le imprese fanno reddito con attività ecosostenibili.

Lo strumento fiscale che dovrebbe essere preferito inizialmente è quello dello sconto fiscale “ecologico” destinato cioè a premiare chi attua politiche di recupero e sostenibilità nell’ambito della propria azienda

Italia Oggi ha pubblicato un estratto dei collegati previsti dalla Legge di Bilancio 2020.
Si parla dunque di sconto dell’Ires per le imprese oltre che di un ammortamento del 100% delle spese e di un iperammortamento in un secondo momento.

Leggi anche —>La green economy in Italia sta offrendo ottime opportunità lavorative

Le misure fiscali del green new deal

Gli scopi concreti delle misure finanziarie sono a) la riduzione di nove punti percentuali dell’aliquota Ires per chi fa investimenti green in beni materiali, immateriali e impianti; b) l’ammortamento del 100% per le imprese che acquistano attrezzi, software, macchinari e impianti finalizzati a evitare lo spreco delle risorse ambientali e/o a produrre meno rifiuti; c) un secondo iperammortamento (del 200%) se questi beni vengono acquistati per essere poi impiantati e utilizzati nel recupero di siti di interesse nazionale.

 

Le spese per le quali sono riconosciuti questi sconti devono essere superiori a 3 milioni di euro o, comunque, pari almeno alla metà dei costi complessivi a carico dell’impresa.
Sarà poi probabilmente introdotta una riduzione della Tari per gli esercizi commerciali che vendono prodotti cosmetici o alla spina in proporzione alla quantità di imballaggi che riescono a risparmiare.
Infine, sarà riconosciuto un credito di imposta a chi acquista prodotti a basso rilascio di microplastiche e una detrazione Irpef del 40% (fino ad un massimo di 10 mila euro) per le spese sostenute per opere ecosostenibili e impianti di irrigazione e compostaggio etc.

Il tanto atteso green new deal italiano
Soldi nei jeans (foto Pixabay)