Coronavirus, un team di scienziati a lavoro sul vaccino: “Pronto in tre settimane”

Un’equipe di scienziati di Israele starebbe lavorando ad un vaccino contro il coronavirus che potrebbe essere pronto in sole tre settimane.

Coronavirus
(Getty Images)

La speranza di avere un vaccino contro il coronavirus pronto in poco tempo arriva da Israele. Un team di scienziati, difatti, sarebbe a lavoro per riuscire a realizzare un vaccino che, se non dovessero verificarsi intoppi o imprevisti, potrebbe essere pronto in tre settimane e disponibile in 90 giorni. A confermalo è stato il ministro israeliano della Scienza e della Tecnologia, Ofir Akunis.

Leggi anche —> Coronavirus, dagli Stati Uniti arriva un vaccino sperimentale pronto per i test

Coronavirus, speranza da Israele: team di ricercatori a lavoro su un vaccino che sarebbe pronto in sole tre settimane

Un vaccino contro il coronavirus pronto in tre settimane e disponibile in 90 giorni. Questa è la speranza che arriva da Israele per riuscire a contrastare l’epidemia che in poco più di due mesi ha provocato oltre 3mila morti in tutto il mondo. Secondo quanto riportato da Il Giornale riprendendo il Jerusalem Post, un team di scienziati israeliani del Migal (Galilee Research institute) è a lavoro per realizzare il vaccino che, se non si dovessero verificare intoppi o imprevisti, potrebbe essere pronto in meno di un mese. A dare l’annuncio è stato il ministro israeliano della Scienza e della Tecnologia, Ofir Akunis. Il ministro ha commentato aggiungendo: “Sono fiducioso -riporta Il Giornaleche ci saranno ulteriori rapidi progressi che ci permetteranno di fornire una risposta necessaria alla grave minaccia globale rappresentata dal coronavirus“.

Quello che sta studiando il team di ricercatori sarebbe un vaccino per via orale che indurrebbe, come riporta Il Giornale, alti livelli di anticorpi specifici ani-Ibv. “Il quadro scientifico per il vaccino – ha spiegato il leader del Migalsi basa su un nuovo vettore di espressione proteica, che forma e secerne una proteina solubile chimerica che trasporta l’antigene virale nei tessuti della mucosa mediante endocitosi autoattivata, inducendo l’organismo a formare anticorpi contro il virus“.

Anche David Zigdon, CEO di Migal ha rilasciato alcune dichiarazioni in merito spiegando: “Data l’urgente necessità globale di un vaccino contro il coronavirus umano – riporta Il Giornalestiamo facendo tutto il possibile per accelerare lo sviluppo”. Zigdon, secondo cui il vaccino potrebbe ottenere l’approvazione della sicurezza in 90 giorni, ha concluso affermando: “In questo momento stiamo discutendo con potenziali partner che possono aiutare ad accelerare la fase di sperimentazione sull’uomo e ad accelerare il completamento dello sviluppo del prodotto finale e le attività normative“.

Coronavirus
(Getty Images)