Il giallo della morte del re della moda di Napoli, aperta l’inchiesta

Alfredo Barbaro – foto dal web

Il giallo della morte di Pasquale Barbaro perchè si era sottoposto nei giorni scorsi a un intervento non invasivo per dimagrire

Pasquale Barbaro è morto 38 anni. Era il figlio del re delle griffe della Galleria Umberto di Napoli. Si era sottoposto nei giorni scorsi a un intervento non invasivo per dimagrire alla clinica Pineta Grande di Castelvolturno. Quella clinica, per intenderci, che ha chiuso l’anno 2019 con 350 operazioni per curare l’obesità: quasi una operazione al giorno. Dopo l’impianto del palloncino gastrico, giovedì nel tardo pomeriggio era tornato a casa. Due giorni dopo, Pasquale Barbaro è stato trovato morto nel suo letto. Sabato mattina, la scoperta nell’abitazione di via Caracciolo. La famiglia chiede chiarezza. E ieri la procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere – diretta da Maria Antonietta Troncone – ha disposto il sequestro della salma. Ora, nulla è lasciato al caso. Gli inquirenti vogliono vederci chiaro.

Il giallo della morte, aperta l’inchiesta

A dare l’annuncio della scomparsa è stato il figlio Pasquale Barbaro: “Voglio ricordarti con questo sorriso, grazie per tutto quello che hai fatto per noi figli e per tutti i nipoti, per gli insegnamenti che ci hai dato, per i valori che ci hai trasmesso, per l’umiltà che non hai mai lasciato dietro di te, e con la quale te ne sei andato. Ciao Papà“, ha scritto l’unico erede maschio tra i quattro figli di Alfredo. Alfredo Barbaro  era uno dei personaggi iconici di Napoli, uno dei più apprezzati. Alfredo era uno che si era fatto da solo. Inizia la sua carriera come venditore di frutta e verdura nei Quartieri Spagnoli. Dotato di intuito commerciale e spirito di iniziativa, a venticinque anni avrebbe aperto un’attività commerciale tutta sua, un negozio di meno di dieci metri quadrati. In pochi anni avrebbe conquistato la Galleria Umberto aprendo più attività commerciali dei suoi concorrenti.

Galleria Umberto Napoli – foto dal web

Leggi anche > Modelle anoressiche, il fatto

di Marcello P