Coronavirus, l’avviso dei cinesi di Padova ai concittadini

Coronavirus negli Usa
Coronavirus (Pixabay)

Molti cinesi che vivono a Padova hanno deciso di rinchiudersi in casa e hanno lanciato un avviso hai concittadini. 

Il Veneto è una delle regioni italiane in cui il coronavirus si è diffuso maggiormente. I casi sono più di 500. Le strutture sanitarie stanno iniziando a prendere nuovi provvedimenti per ridurre il numero di contagi. L’amministrazione dell’Azienda Ospedaliera, per esempio, ha deciso di chiudere in via precauzionale gli ambulatori e le sale chirurgiche. A Vo’ Euganeo, comune padovano in cui è stato registrato il primo decesso legato al coronavirus, domani partiranno nuovi esami effettuando i tamponi ai cittadini dopo due settimane dai primi. Lo studio servirà per capire l’evoluzione del virus. Nonostante le tante precauzioni e disposizioni, la comunità cinese presente a Padova risulta alquanto preoccupata. Come si evince dal Gazzettino, i cinesi hanno voluto lanciare un avviso ai concittadini.

Leggi anche –> Coronavirus, aggiornamento sul bilancio in Italia: salgono vittime e contagi 

Coronavirus Padova, i timori della comunità cinese

“Svuotate i supermercati, ma poi considerate il Coronavirus come una banale influenza e mal tollerate le restrizioni”: è questo il pensiero generale della comunità cinese che vive a Padova. La maggior parte ha deciso di chiudere i negozi e di ritirarsi in casa, intimorita anche dai numerosi atti di razzismo. Con il boom dell’epidemia a Wuhan e in Cina, i social sono stati riempiti di insulti verso i cinesi e non sono mancati atti ed azioni anche in strada. Molti di loro non vedono la loro terra natia da diversi anni, sono negativi al tampone e non vogliono rischiare il contagio. Uno dei cinesi che gestisce un bar a Padova ha spiegato come sta affrontando le restrizioni decise dal Consiglio dei Ministri: “Ho sospeso i servizi bar, faccio solo quelli di tabaccheria perché non voglio rischiare multe o denunce se le persone si assiepano al bancone. E’ terribile arrivare alle 6.30 e fissare il negozio vuoto”. La situazione è molto difficile anche dal punto di vista economico: diverse attività come bar, pizzerie e ristoranti stanno registrando diverse perdite.

Leggi anche –> Coronavirus, come è nato il contagio e come fermarlo