Coronavirus, bloccati a Napoli i funerali di Ugo Russo: tensioni con le forze dell’ordine

La polizia ha bloccato i funerali di Ugo Russo a Napoli in seguito alle disposizioni del decreto governativo per fronteggiare l’emergenza coronavirus. Il corteo funebre si è sciolto dopo alcune tensioni con le forze dell’ordine.

Polizia
Polizia (Getty Images)

La Polizia di Napoli ha bloccato i funerali del giovane Ugo Russo, il ragazzo di 15 anni ucciso mentre stava cercando di rapinare un carabiniere che non si trovava in servizio. Gli agenti hanno bloccato il corteo funebre in seguito alle disposizioni del decreto del Governo per cercare di contenere l’emergenza coronavirus. Le forze dell’ordine hanno bloccato il corteo quando stava per imboccare la centrale via Roma e, dopo qualche momento di tensione, si è sciolto e la bara riposta all’interno del carro funebre.

Leggi anche —> 15enne ucciso a Napoli da un carabiniere | Cambia l’accusa nei suoi confronti

Coronavirus, bloccati a Napoli i funerali di Ugo Russo dopo le disposizioni del decreto governativo per fronteggiare l’emergenza

Bloccati i funerali di Ugo Russo che si sarebbero dovuti svolgere stamane, lunedì 9 marzo. A bloccarli è stata la polizia di Napoli in seguito alle disposizioni inserite all’interno del decreto di Governo già valido da ieri per cercare di contenere l’epidemia da coronavirus. A queste disposizioni si è aggiunta quella del cardinale di Napoli Crescenzio Sepe con la sospensione di tutte le cerimonie. Secondo quanto riportato dalla stampa locale e dalla redazione di Leggo, i parenti e gli amici del giovane, ucciso nella notte tra sabato 29 febbraio e domenica 1 marzo durante un tentativo di rapina ad un carabiniere fuori dal servizio, avevano trasportato il feretro dall’abitazione del 15enne per alcune centinaia di metri.

L’intenzione dei familiari era quella di portare in spalla la bara bianca per le strade del capoluogo campano, ma arrivato all’altezza della centrale via Roma il corteo, con uno striscione in cui vi era scritto ‘Verità e giustizia per Ugo’ e palloncini bianchi, è stato bloccato e poi fatto sciogliere da un cordone di polizia. Non sono mancate, come riporta la redazione di Leggo, le tensioni con i familiari del giovane, gestite al meglio dalle forze dell’ordine. In seguito allo scioglimento del corteo, i familiari hanno riposto la bara bianca nel carro funebre, poi seguito da un motorino con a bordo i genitori del 15enne. La salma ha poi ricevuto la benedizione, riferisce Leggo, nella cappella del cimitero di Napoli.

Leggi anche —> Napoli, 15enne muore in ospedale: ferito in una sparatoria con un carabiniere

Polizia
(Getty Images)