L’Oms: “Le mascherine chirurgiche non servono ai sani, il motivo”

Coronavirus
(Getty Images)

Walter Riccardi, esponente dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, chiarisce sull’utilizzo di mascherine chirurgiche e loro efficacia

In questi giorni concitati con l’epidemia che ha preso piede rapidamente in Italia e provvedimenti che si sovrappongono, la mascherina è un tema discusso. In tanti pensano di usarle o le stanno usando ma ce ne sono di vari pipologie e non tutte sono efficaci nello specifico caso del coronavirus: “Le mascherina chirurgiche ai sani non servono a niente, il virus penetra attraverso la garza”. Lo dichiara a Di Martedì Walter Ricciardi, membro dell’Oms e consigliere del governo. “Le mascherine di garza servono ad evitare ad esempio che cadano gocce di saliva del chirurgo. Non servono a proteggere i sani, ai sani non servono assolutamente a nulla. E’ solo una paranoia che la gente sana usa in maniera impropria. Esistono poi le mascherine FP2-FP3, che servono al personale sanitario e alle forze dell’ordine”, dice ancora. “La distanza di sicurezza è un metro”, afferma, smentendo quanto contenuto in uno studio cinese, ritirato, che faceva riferimento ad una distanza di 4 metri in alcune circostanze particolari.

Mascherine chirurgiche, cosa c’è da sapere e quanto durerà l’epidemia

Quindi, una panoramica sull’epidemia. “Quanto durerà in Italia? Ne avremo ancora per almeno due settimane. Le prossime due settimane saranno quelle che scopriranno l’Europa vulnerabile e negli Usa si prepara una catastrofe. Trump con la sanità non ci prende, fin dall’inizio ha preso una serie di misure sbagliate. In questo caso ne ha presa una talmente sbagliata che potrebbe costare la rielezione”. Non sono mancate le speculazioni, tornando alle mascherine. Mascherine vendute anche a cinquemila euro approfittando dell’emergenza Coronavirus. È quanto ha scoperto la guardia di finanza. Con il coordinamento della procura di Torino, ha intrapreso una vasta operazione varie località italiane. «Il monitoraggio continua – ha spiegato il comandante provinciale della Guardia di Finanza di Torino, generale Guido Mario Geremia – e i profili saranno oscurati. Abbiamo sequestrato anche interi kit compresi di guanti, salviette, gel e venduti a prezzi esorbitanti. Queste persone hanno fatto leva sul panico, presentando normali prodotti per l’igiene e la protezione come prodotti per una protezione totale dal Covid19″.

Coronavirus virologo Bassetti bambini contagio nonni
Coronavirus (Getty Images)

Leggi anche > Virus, mancano posti: arriva una scelta dolorosa

Leggi anche > Virus, l’appello dell’Iss