Coronavirus, l’Italia unita alla finestra: i flash mob contro la paura – VIDEO

Coronavirus, l’Italia unita alla finestra: i flash mob contro la paura – VIDEO

Io resto a casa” è la risposta degli italiani a questo periodo così critico, dove il coronavirus si sta espandendo pian piano in tutto il mondo rubandosi la nostra quotidianità, le nostre uscite all’aria aperta, il lavoro, gli abbracci con gli amici. Quando mai ci è stato detto di non abbracciarci, di non stare vicini più di un metro alle persone, di evitare il contatto fisico in ogni modo? Tutto ciò che fino a poche settimane fa eravamo abituati a dare per scontato, oggi non lo è più. Una passeggiata sotto al sole, un abbraccio con un amico. Siamo costretti a stare in casa, a non vedere le persone a cui vogliamo bene, a non andare a lavorare, abbiamo dovuto rinunciare a tutto e lo stiamo facendo a testa alta e con grande dignità. Restiamo a casa, per tornare a condurre la nostra vita di tutti i giorni domani.

De Magistris attacca: “Hanno fatto affari con la sanità” –> LEGGI QUI

L’Italia combatte il coronavirus con la forza della musica

A scandire le nostre giornate a casa, sono sicuramente i flash mob che da quattro giorni a questa parte stanno contagiando tutto il nostro Paese. C’è chi non è d’accordo, chi lo trova irrispettoso, ma è un arcobaleno che spunta nel bel mezzo di una tempesta che sta bagnando la nostra Italia. Qualche minuto di serenità e spensieratezza, sui balconi di casa nostra, ad intonare le canzoni più famose. C’è chi canta, chi suona gli strumenti, chi imita alcune esibizioni che abbiamo visto quest’anno sul palco di Sanremo quando tutto era ancora tranquillo e stabile.

Ognuno reagisce a modo suo a questo momento critico che stiamo vivendo, aggrappandosi in ogni modo alla musica, all’arte, a questi pochi minuti in cui possiamo fingere di essere giù per strada insieme a tutti i nostri cari. In cui possiamo abbracciarci tutti attraverso le canzoni. I video dell’Italia sui balconi stanno facendo il giro del mondo, e la nostra unione e il nostro patriottismo sta guadagnando l’affetto e la stima di chi ci segue e ci osserva anche da lontano.