Lo Spallanzani ha isolato il virus anche nelle lacrime

Lo Spallanzani ha scoperto che il Covid-19 è “presente anche nelle lacrime”. La scoperta si deve a una ricerca condotta dall’Istituto su un paziente positivo al virus.

Lo Spallanzani ha isolato il virus anche nelle lacrime
Occhio e lacrima (Pixabay)

L’Istituto nazionale malattie infettive Spallanzani di Roma ha condotto uno studio pubblicato su Annals of Internal Medicine secondo cui il virus SarsCov2 è attivo anche nelle secrezioni oculari.

Pertanto, non solo le mucose ma anche gli occhi sono una «potenziale fonte di contagio»: il virus oltre che nell’apparato respiratorio, sa replicarsi nelle congiuntive. La ricerca è stata avviata analizzando il tampone oculare di una paziente positiva ricoverata presso l’ospedale a fine gennaio.

La donna presentava una congiuntivite bilaterale e i ricercatori sono riusciti, partendo da tale quadro, a isolare il virus. Lo studio dimostra che il virus non si replica dunque soltanto nell’apparato respiratorio ma anche nelle congiuntive.

In base a quanto dichiarato da Concetta Castilletti, responsabile dell’Unità Operativa Virus Emergenti del Laboratorio di Virologia dello Spallanzani, come riportato dai principali quotidiani: “Questa ricerca dimostra che gli occhi non sono soltanto una delle porte di ingresso del virus nell’organismo, ma anche una potenziale fonte di contagio”.

Leggi anche—>Covid-19, De Magistris: Il 4 maggio qualcosa bisogna ricominciare a fare

La portata delle ricerca dello Spallanzani

Lo Spallanzani ha isolato il virus anche nelle lacrime
Ragazza con mascherina (Pixabay)

Chiaramente, dunque, non è sufficiente proteggersi con mascherina e guanti, fermi restando il distanziamento sociale e l’igiene personale, ma sarà imprescindibile utilizzare, soprattutto in situazioni a elevato rischio di contagio, dispositivi di protezione che proteggano le congiuntive appunto.

Si tratta una scoperta che ha conseguenze notevoli non solo sul piano teorico della conoscenza del virus ma anche e soprattutto su quello della salute pubblica. Non a caso i risultati sono stati subito comunicati dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS).

Leggi anche—>La moda è pronta a ripartire

Lo Spallanzani ha isolato il virus anche nelle lacrime
Quarantena (foto Pixabay)

Peraltro, la ricerca dell’Istituto Spallanzani ha evidenziato che non sebbene i tamponi oculari siano positivi i campioni relataivi al distretto respiratorio possono non mostrare più tracce del virus.

Potrebbe interessarti anche —>I Contagi in Italia Regione per Regione aggiornati alle 19.00 del 22 aprile 2020