I nostri conti correnti sono sotto controllo?

Fin dall’inizio dell’emergenza sanitaria sono circolati molti rumors sul possibile controllo dei conti correnti e perfino su un eventuale prelievo forzoso. Ma cosa ha alimentato questi timori durante l’emergenza sanitaria?

I nostri conti correnti sono sotto controllo?
Banconote stese (foto Pixabay)

La ragione ha che fare con l’approvazione del documento di economia e finanza per il 2020.

Le parole del Ministro dell’Economia e delle Finanze, Roberto Gualtieri, nella sua premessa al Documento di Economia e Finanza 2020 (DEF), approvato dal Consiglio dei Ministri del 24 aprile, sono significative: I sacrifici che gli italiani stanno sostenendo sono elevatissimi, le perdite umane assai dolorose, l’impegno di finanza pubblica senza precedenti. Verranno sicuramente tempi migliori e l’Italia dovrà allora cogliere appieno le opportunità della ripresa mondiale con tutta la maturità, coesione, generosità e inventiva che ha mostrato in queste difficili settimane”.

Come si legge sul sito del Mef, a causa della situazione economica attuale, il DEF 2020 è più cruciale, “essenziale rispetto ai precedenti”.

Preoccupante secondo molti è l’introduzione dell’anonimometro e della web tax, già prevista dalla legge finanziaria 2019, che permetteranno un contrasto all’evasione fiscale molto più efficace ma anche più discutibile. Infatti, sono così sdoganate le segnalazioni anonime attraverso l’impiego di algoritmi che passeranno a rassegna i trasferimenti dei contribuenti in maniera anonima, di modo che i vecchi dati “sensibili” (oggi dobbiamo parlare di catergorie particolari di dati) rimangano protetti.

Ecco perchè si parla molto di controlli dei conti correnti.

Leggi anche —> E’ davvero plausibile l’ipotesi prelievo forzoso sui nostri conti?

Come proteggere i propri conti correnti

I nostri conti correnti sono sotto controllo?
20 centesimi (foto Pixabay)

Sarà dunque un algoritmo a stabilire se c’è anomalia sul conto corrente e inviare la segnalazione al fisco in modo automatico e in forma anonima.

L’unico modo efficace per proteggere i propri conti rimane quindi effettuare operazioni giustificate.

L’anonimometro  è un vero e proprio evasometro anonimizzato che consentirà all’Agenzia delle Entrate di controllare i trasferimenti di denaro in modo appunto anonimo, senza correre il rischio di essere bloccata” dal Garante per la Privacy.

Ed è qui che torna in tema il Def appena approvato: il documento punta sul potenziamento delle attività di contrasto all’evasione, attraverso le analisi del rischio di evasione partendo dal patrimonio informativo che l’amministrazione finanziaria ha a disposizione. Si attende un aumento del gettito di circa 0,4 miliardi nel biennio 2020-2021.

Leggi anche —> Come gestire i risparmi in caso di default

I nostri conti correnti sono sotto controllo?
Carta di credito (foto Pixabay)

Potrebbe interessarti anche —> I Contagi in Italia Regione per Regione aggiornati alle 19.00 del 28 aprile 2020