Uno studio cinese rivela: l’Italia fuori dall’epidemia ad agosto

Arriva dal Chinese Pla General Hospital di Pechino uno studio in cui viene indicata la data esatta della fine della epidemia in Italia.

Primario virus
Covid-19 e provetta (foto Pixabay)

Secondo il team di esperti di Pechino la fine della epidemia in Italia ci sarà ai primi di agosto, precisamente intorno al 6. I ricercatori cinesi ipotizzano che gli allentamenti che il nostro paese ha avuto con l’inizio della fase due porta con sé il rischio di una nuova ondata di contagi, in particolare gli studiosi prevederebbero tra ile 116.114 e 274.378 casi. Quando la ricerca è stata pubblicata l’Italia era al secondo posto, dopo gli Stati Uniti, per il numero di decessi e addirittura al poco invidiabile terzo posto per le infezioni. Per mappare da tendenza della diffusione della epidemia i ricercatori hanno usato i dati del database della John Hopkins fino al 2 aprile lavorando su un modello matematico standard che è conosciuto come modello suscettibile di infezione (Sir), in questo modo si possono tenere sotto controllo gli effetti delle diverse misure di prevenzione dai vari paesi del mondo.

LEGGI ANCHE -> Un nuovo ceppo di coronavirus scoperto negli USA

L’esperienza cinese per l’epidemia

Virus Urbani ministero della Salute piano segreto gennaio
(Getty Images)

 

LEGGI ANCHE -> La mappa regione per regione dell’epidemia: il bilancio al 5 maggio

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche su sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter

Virus pazienti oncologici ospedale cure
(Getty Images)

Infatti spiegano gli esperti che proprio dall’esperienza cinese si è capito che per contenere la diffusione del Covid 19 è necessario mettere in atto diverse misure di controllo come la diagnosi precoce e l’isolamento di persone che abbiano mostrato sintomi di contagio, le limitazioni dei movimenti dei cittadini, il monitoraggio medico e gli screening sia in entrata che in uscita.