Ufficiale, calcio e coronavirus: arriva una nuova regola

Calcio e coronavirus, ecco la novità. L’Ifab ha deciso di modificare il numero di sostituzioni per questo periodo: saranno cinque

Serie A calcio
Lega Serie A, ingresso sede (foto dal web)

Se ne stava parlando già da tempo ma ora è ufficiale. L’Ifab ha deciso di modificare il numero di sostituzioni per questo periodo: saranno cinque. E’ una regola che permette di agevolare la ripresa delle partite in questa fase di riapertura. Il maggior numero di sostituzioni consente ai tecnici di gestire al meglio gli organici anche in vista di eventuali defezioni da contagio. Una proposta arrivata dalla Fifa e accolta dopo alcune settimane. L’Ifab ha accettato l’emendamento della Fifa e ha concesso l’utilizzo di cinque sostituzioni in ogni gara come limite massimo fino alle gare che saranno disputate al 31 dicembre 2020.

Leggi anche > Novità per le mascherine

Ecco le modifiche apportate al regolamento dall’Ifab, così come esposte nel comunicato stampa:

Serie A Var calcio e coronavirus Spadafora
Stadio San Siro (foto dal web)

– Durante le gare, le due squadre possono usare effettuare un massimo di cinque        sostituzioni.

– Per evitare il più possibile le interruzioni durante i 90 minuti, ogni squadra avrà tre opportunità di effettuare le cinque sostituzioni (quindi due saranno doppie se gli allenatori vorrebbero effettuarle tutte), che potranno anche essere effettuate durante l’intervallo.

– Se entrambe le squadre effettuano una sostituzione contemporaneamente, verrà sottratta un’opportunità di sostituzione a ciascuna di esse.

– Se le regole della competizione prevedono un’ulteriore sostituzione durante i tempi supplementari (coppe europee), le due squadre avranno quindi un totale di sei sostituzioni.

Leggi anche > Serie A, nuovi contagi

Serie A Var
Serie A, possibile ripresa del campionato senza il Var (foto dal web)

Tuttavia, va specificato che la regola non è vincolante. Ogni Lega può decidere se adottare la modifica o meno, anche perchè non è definitiva bensì temporanea. Soltanto con l’assemblea generale dell’Ifab è possibile apportare modifiche definitive e vincolanti  e quest’ultima, si svolge una volta l’anno.