De Luca attacca Salvini: “Va in giro a mostrare gli occhiali color pannolino”

Il governatore della Campania Vincenzo De Luca attacca il leader della Lega ironizzando sul nuovo look dell’ex ministro dell’interno

Covid-19 Italia De Luca
foto dal web

Il governatore della Campania Vincenzo De Luca ha aggiornato i suoi cittadini come ogni venerdì’. Ha toccato vari punti, il governatore. Sui rientri, ha parlato di 12 mila persone. Trovate 300 persone che avevano la febbre o positive al test rapido. A quest’ultime è stato fatto il tampone che è l’unico attendibile. Il test rapido non è attendibile quanto il tampone. Infatti solo uno è risultato positivo. Abbiamo 1000 persone in isolamento. I controlli continueranno fino al 18, anche in maniera ossessiva. Afferma che bisogna garantire che chi arriva da fuori Regione non deve creare altri focolai. La parte da leone, però, De Luca la fa attaccando il segretario della Lega Matteo Salvini. Il governatore ha dichiarato che un politico di Milano dimostra di non essere informato su ciò che accade al Sud. Dichiara di riferirsi ad un politico che va in giro a mostrare i nuovi occhiali color “pannolino”.

Leggi anche > Sondaggi politici

De Luca attacca Salvini e rivendica l’efficienza della Sanità campana

Vincenzo De Luca (GettyImages)

Sulla Sanità, De Luca elogia l’attività sanitaria delle strutture della Campania. Ritiene che il tempismo e i provvedimenti presi anche più rigidi di quelli del Governo, hanno permesso alla Campania di salvarsi. Parla di ospedali più sicuri d’Italia, invita i cittadini di altri territori a servirsi della Sanità campana. Il governatore annuncia poi in anteprima una produzione tutta campana di ventilatori polmonari per essere autonomi dal mercato. Sugli aiuti economici, De Luca rivendica i bonus alle Partite Iva che si sono aggiunti a quelli del Governo (2000 euro).

Leggi anche > Fake news, i politici che ne dicono di più

napoli
napoli (getty images)

Ricorda, infine, l’integrazione delle pensioni minime a 1000 euro al mese per chi riceve un assegno inferiore. Il finale è una provocazione forte: “Si chiacchiera troppo sulle aperture, chi vuole lo faccia e se ne assuma la responsabilità. La Campania non apre domani per chiudere poi dopodomani“.