Bob Marley, 39 anni fa moriva la leggenda del reggae

L’11 maggio del 1981 la musica e il mondo perdevano Bob Marley. Il cantante giamaicano, star del reggae, scompariva a soli 36 anni a causa di un cancro.

Bob Marley (GettyImages)
Bob Marley (GettyImages)

Bob Marley era nato il 6 Febbraio 1945, nel villaggio di Rodhen Hall, distretto di St. Ann, sulla costa Nord della Giamaica da mamma giamaicana, Cedella Booker, e dal capitano dell’esercito inglese Norman Marley. “Mio padre era un bianco, mia madre nera, io sono in mezzo, io sono niente, tutto quello che ho è Jah. Così non parlo per liberare i bianchi o i neri, ma per il creatore. Sono cresciuto con i ragazzi del ghetto. Non c’erano capi, solo lealtà uno verso l’altro”, diceva il cantante. Bob Marley, Tosh e Neville O’Riley Livingston costituirono il primo nucleo dei ‘Wailers‘. “Ho preso il nome dalla Bibbia. Quasi in ogni pagina ci sono storie di persone che si lamentano”. Bob Marley & The Wailers continuarono ad avere successo prima con Babylon By Bus poi con Survival. Alla fine dei mitici anni ’70 erano la band più famosa della scena musicale dell’intero pianeta. Il loro nuovo album Uprising entrò in tutte le classifiche europee.

La salute di Bob, però, peggiorava giorno dopo giorno. Nel 1980 svenne durante un concerto a New York, l’indomani collassò facendo jogging. Pochi giorni più tardi Bob scoprì di avere un tumore. Fece un bellissimo concerto a Pittsburgh, poi cancellò il tour. Trasportato da Miami al Memorial Sloan-Kettring Cancer Center di New York i medici gli diagnosticarono un tumore al cervello, ai polmoni e allo stomaco. Andò anche in Germania per un trattamento, tre mesi dopo, però, l’11 maggio 1981, Bob Marley finì in un ospedale a Miami. Il funerale di Bob Marley in Giamaica, che ebbe luogo il 21 maggio 1981 potrebbe essere paragonato al funerale di un re a cui parteciparono il Primo ministro e il leader dell’opposizione. Dopo il funerale il corpo fu portato dove nacque, dove si trova tuttora, in un mausoleo.

LEGGI ANCHE -> Freddie Mercury, la straziante reazione quando scoprì di avere l’AIDS

Le quattro canzoni più famose di Bob Marley

Bob Marley (GettyImages)
Bob Marley (GettyImages)

Il tema comune a tutte le canzoni di Bob Marley è quello della lotta all’oppressione politica e razziale e quello per l’uguaglianza. Tra le canzoni più famose ci sono: Get up stand up del 1973, un grido di battaglia alla sopravvivenza che tanti artisti di fama internazionale ne hanno fatto una cover, come Bruce Springsteen e Rihanna; No woman no cry del 1975, i cui diritti sono stati registrati a nome Vincent Ford, un amico d’infanzia di Bob, proprietario di un locale del paese in cui è nato, e noto per il suo aiuto ai più poveri;

LEGGI ANCHE -> Commissario Montalbano, Luca Zingaretti: carriera, età moglie e figli del presentatore

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche su sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter

Bob Marley (GettyImages)
Bob Marley (GettyImages)

Is this love del 1978, il cui testo parla di amore e devozione, probabilmente dedicato a Rita, sua moglie e infine Redemption song del 1980, un pezzo che riassume tutto quello che lui rappresenta: è ispirato a un discorso del 1973 di Marcus Garvey e affronta temi politici e sociali molto importanti con incredibile musicalità e ritmo.