Il virologo: “Da luglio possibile una piccola parte di spettatori negli stadi”

Il virologo e docente Fabrizio Pregliasco ha dichiarato: “Da metà luglio è possibile che ci sarà una piccola parte di pubblico negli stadi”.

Stadio San Paolo Napoli Serie A
Stadio San Paolo, Napoli (Getty Images)

Fabrizio Pregliasco, virologo e docente di Igiene e medicina preventiva all’Università Statale di Milano, nonché direttore sanitario dell’Istituto Galeazzi, ha parlato ai microfoni di Radio Punto Nuovo, a proposito dell’impatto del Covid-19 sul mondo del calcio e della possibile ripresa del campionato: “Il pallone può ricominciare a porte chiuse, stiamo procedendo molto gradualmente. Per quanto riguarda i cinema, abbiamo verificato che non è l’aria condizionata a essere pericolosa ma il comportamento di certe persone, che non sono poche. Allo stadio, ovviamente, non ci sono persone che ascoltano musica classica in religioso silenzio”.

LEGGI ANCHE -> Arbitri, l’accusa dell’ex Omertà diffusa, non c’è trasparenza

Il virologo Fabrizio Pregliasco: “Per avere il vaccino ci vorrà almeno un anno e mezzo”

Serie A Var calcio e coronavirus Spadafora
Stadio San Siro (foto dal web)

“Da metà luglio è possibile che ci sia una piccola parte di pubblico all’interno degli stadi – afferma Fabrizio Pregliasco -. Per ridurre il più possibile e velocemente la circolazione del coronavirus bisogna agire con la massima cautela. Spero che un vaccino arrivi presto, ma ancora non sappiamo se il Covid-19 dà un’immunità per lungo o per un breve periodo”.

LEGGI ANCHE -> Luca Parmitano: Nello spazio sapevo del virus già da novembre

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche su sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter

Vaccino
(GettyImages)

“Per ora bisognerà convivere con il virus, per il vaccino ci vorrà almeno un anno e mezzo” – conclude il virologo e docente Fabrizio Pregliasco -.