Tutto quello che serve sapere sul bonus vacanze 2020

Dal 1° luglio si potrà richiedere il bonus vacanze ma ci sono requisiti e regole specifiche da tenere presenti. Vediamo quali.

Tutto quello che serve sapere sul bonus vacanze 2020
Vacanze 2020 – Unsplash

Il bonus vacanze è una misura dello stato italiano al fine di aiutare sia le famiglie sia il settore del turismo in questa difficile estate post pandemia.

E’ spendibile solo in Italia in determinate strutture ricettive e anche se gli addetti al settore non sono completamente persuasi sull’effettiva utilità della misura, può coadiuvare le famiglie italiane che si godranno in ogni caso le ferie quest’anno.

Certamente non si tratta di un bonus esteso a tutti: si tratta di una misura di cui possono godere soltanto i nuclei famigliari che hanno un indicatore Isee non superiore ai 40mila euro.

In particolare, la domanda andrà fatta da uno dei componenti e potrà poi goderne anche un altro o altri componenti della famiglia (es.: richiesta fatta dalla madre e utilizzo da parte del padre per sè e i figli in vacanza).

Come fare la domanda e come usufruire del bonus

Tutto quello che serve sapere sul bonus vacanze 2020
Spiaggia (foto Pixabay)

Qualora il pre-requisito reddituale sia integrato si potrà effettuare la domanda online sul ‘app app – IO – legata alla piattaforma della pubblica amministrazione PagoPa ma sul sito dell’Agenzia delle entrate è possibile leggere tutte le informazioni relative a questo bonus.

Con l’accoglimento si avrà diritto a una somma di denaro (non liquida ma in forma di sconto) che varia in base alla composizione del nucleo familiare: 150 euro per le persone singole, 300 euro per le famiglie di due persone fino a 500 euro per le famiglie composte da più di due persone.

Come già anticipato, non si tratta di una somma di denaro liquida utilizzabile in modo autonomo e varia bensì di uno sconto per i servizi forniti dalla struttura ricettiva presso cui si desidera soggiornare o comunque spendere il buono.

Questo sconto vale l’80% del bonus invece il restante 20% è una detrazione di imposta sulla dichiarazione dei redditi.

Con il buono è dunque possibile pagare a un prezzo scontato alberghi, agriturismi, bed&breakfast in Italia.

Tuttavia, la scelta deve ricadere su una singola struttura e in un’unica soluzione dovrà essere effettuato il pagamento con fruizione dello sconto.

Chiaramente, sarà imprescindibile che il pagamento sia risultante da fattura, ricevuta o altra idonea documentazione fiscale.

La richiesta e la spesa possono essere effettuate tra il 1° luglio 2020 e il 31 dicembre 2020. Le spese vanno effettuate in questo lasso di tempo. La domanda si fa solo attraverso una .

Tutto quello che serve sapere sul bonus vacanze 2020
La valigia delle vacanze (foto Pixabay)

Il bonus non potrà però essere utilizzato per pagare servizi di intermediazione o comunque acquistati sulle piattaforme online quali ad esempio AirBnb o Booking.com.