La nipote di Trump scrive un libro “bollente” sui segreti del passato del presidente

Una nipote di Trump rompe il silenzio familiare in un libro: “Non posso permettergli di distruggere il mio paese”, e il presidente prova a fermarla

foto dal web

La famiglia del presidente degli Stati Uniti Donald Trump sta conducendo una battaglia legale per fermare il libro Troppo e mai abbastanza: come la mia famiglia ha creato l’uomo più pericoloso del mondo. È firmato dalla nipote del presidente, Mary Trump, 55 anni, dottorato in psicologia clinica. Mary è la figlia di Fred Trump Jr., il fratello maggiore del presidente, deceduto nel 1981 dopo complicazioni cardiache dovute al suo alcolismo. “Seguendo l’esempio di mio nonno e con la complicità, il silenzio e l’inazione dei suoi fratelli, ha distrutto mio padre. Non posso permettere che distrugga il mio paese“. Lo afferma l’autrice di in un libro che ha suscitato così tante aspettative che l’editore ha anticipato la sua pubblicazione due settimane. È previsto il lancio il 14 luglio.

Leggi anche > Roma, allarme volo dal Qatar

La nipote di Trump e le rivelazioni del libro in uscita

Donald Trump epidemia Coronavirus
Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump (Getty Images)

Donald Trump e i suoi fratelli sono stati vittima di un padre freddo e dominante, Fred Trump, che hanno cercato di conquistare traguardi con le bugie per tutta la vita, secondo Mary Trump. Il libro chiarisce che per il suo defunto padre “mentire era difensivo, non semplicemente un modo per evitare la disapprovazione di suo padre o evitare la punizione, come lo era per gli altri, ma un modo per sopravvivere”. Robert Trump, il fratello minore del presidente degli Stati Uniti, ha intentato una causa a maggio contro sua nipote Mary e contro l’editore Simon & Schuster presso la Corte suprema dello Stato di New York.  Sostiene Robert che c’è stata una violazione di quell’accordo firmato due decenni fa. Robert ha vinto e bloccato temporaneamente la pubblicazione.

Leggi anche > Covid, nuovo studio su asintomatici

Trump idrossiclorichina
Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump (Getty Images)

La corte d’appello ha revocato l’ordine restrittivo contro l’editore il giorno successivo perché l’editore non aveva firmato alcun accordo di riservatezza. Ma l’ordine che impegna l’autore rimane in vigore, quindi non può fare alcun commento pubblico.