Coronavirus, il bollettino del 13 luglio: 169 nuovi casi

Il Ministero della Salute, nella giornata di oggi lunedì 13 luglio, ha diffuso i numeri dell’epidemia da coronavirus in Italia.

Coronavirus
(Getty Images)

È stato appena pubblicato, sul sito del Ministero della Salute, l’aggiornamento sullo stato dell’epidemia da Covid-19 nel nostro Paese. Stando alla tabella sanitaria odierna, le persone risultate positive al virus sono 243.230, ossia 169 assistiti in più di ieri. Gli attualmente positivi scendono a 13.157 unità con un decremento di 22 soggetti. In calo anche i pazienti in terapia intensiva che risultano essere 65 (-3). I guariti dall’inizio dell’emergenza ad oggi sono 195.106, cioè a dire 178 in più rispetto alla giornata di ieri. Si aggrava ancora il bilancio dei decessi con 13 nuove vittime che portano il bilancio complessivo a 34.967.

Coronavirus, bollettino: i numeri del Covid-19 in Italia nella giornata di domenica 12 luglio

Coronavirus
(Getty Images)

Nella giornata di ieri, stando alla tabella divulgata dal Ministero della Salute, i casi di persone risultate positive al virus erano saliti a 243.061. Gli attualmente positivi avevano raggiunto le 13.179 unità. Salivano, invece, i pazienti in terapia intensiva68 in totale. Il complessivo delle persone guarite dall’inizio dell’emergenza era di 194.928. Infine il bilancio complessivo dei decessi era giunto a 34.954 vittime.

Il Ministero, nelle note, precisava che la Regione Calabria aveva segnalato che: “Dallo screening condotto su 70 migranti sbarcati ieri a Roccella Ionica, sono stati intercettati 26 soggetti positivi dal laboratorio dell’ASP di Reggio Calabria; in strutture dedicate, appositamente individuate dalla Prefettura

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Coronavirus, il bollettino del 12 luglio: oltre 200 nuovi casi

Coronavirus, bollettino: i numeri del Covid-19 in Italia nella giornata di sabato 11 luglio

Nella giornata di sabato stando ai dati comunicati dal Ministero della Salute in merito all’epidemia da Covid-19 il numero delle persone risultate positive al virus era salito a 242.827. Nuovo calo dei soggetti attualmente positivi che ammontavano a 13.303. Diminuivano anche i ricoveri in terapia intensiva per un totale di 67 pazienti. Il numero dei guariti era giunto a 194.579. Purtroppo si aggravava ancora il bilancio dei decessi che portava il totale a 34.945 vittime.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Coronavirus, il bollettino dell’11 luglio: i dati dell’epidemia

Covid-19, in arrivo il nuovo Dpcm: le misure che entreranno in vigore dal 14 luglio

Con l’emergenza ormai quasi agli strascichi, l’Italia sta attraversando la cosiddetta fase di convivenza con il virus. In questo frangente, il Governo sta studiando le prossime mosse per scongiurare una seconda ondata dell’epidemia che, a parere di molti, potrebbe essere anche più aggressiva della prima. Proprio in questa direzione, il Governo sta lavorando sul prossimo Dpcm che dovrebbe entrare in vigore da domani, martedì 14 luglio. Ossia quando scadranno i provvedimenti disposti lo scorso 11 giugno. Stando a quanto trapelato, come riporta Il Corriere della Sera, il Governo sarebbe in procinto di prorogare le attuali norme anti contagio fino al 31 luglio.

Nel dettaglio dovrebbe essere confermato l’obbligo di indossare la mascherina nei luoghi chiusi, l’obbligo di sanificare i locali e registrare la temperatura attraverso i termoscanner. Rimarrà in vigore anche il divieto di assembramenti.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Covid-19, in arrivo il nuovo Dpcm: le misure che entreranno in vigore dal 14 luglio

Covid-19 ora colpisce i giovani: l’allarme dallo Spallanzani

Il professor Francesco Vaia dell’Ospedale Spallanzani di Roma ha comunicato che l’età media dei soggetti colpiti dal Covid, si sta abbassando. Un dato che deve essere letto con particolare attenzione e che è sintomatico di una specifica circostanza. Raggiunto dalla redazione de Il Messaggero, l’esperto ha dichiarato: “L’età media si sta abbassando. Per loro il virus e le sue dirette conseguenze sono di certo meno gravi, ma ai giovani chiediamo di essere prudenti”.

Nel mese di giugno, infatti, il numero di under 18 positivi al virus si sarebbe addirittura quintuplicato. Ciò si traduce in un aumento di casi dal 2 al 9,43% rispetto all’inizio dell’epidemia.

L’inversione di tendenza è stata commentata da Vaia come un campanello d’allarme, perché è vero che da un lato si traduce in una minor possibilità di casi gravi. Ciò in quanto i giovani vengono colpiti più lievemente dal virus. Dall’altro però potrebbe significare che è necessaria una sempre più crescente prudenza.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Covid-19 ora colpisce i giovani: l’allarme dallo Spallanzani

Donna guarita dal virus risulta nuovamente positiva: caso di ripositivizzazione a Pozzuoli

A dare comunicazione alla cittadinanza di Pozzuoli del caso di una donna ripositivizzata il primo cittadino del comune in provincia di Napoli. Vincenzo Figliola tramite i propri profili social ha reso noto che l’Asl 2 di Napoli Nord gli ha comunicato la notizia. Si tratta di una cittadina positiva al virus mesi fa, guarita ed oggi nuovamente affetta dal Covid.


PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Donna guarita dal virus risulta nuovamente positiva: caso di ripositivizzazione a Pozzuoli

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.