Inghilterra, uomo ucciso dopo una lite per la fila al supermercato

Nel Cheshire un uomo di 51 anni Andrew Webster è stato ucciso dopo una colluttazione fuori da un supermercato per il rispetto della fila

Andrew Webster insieme alla moglie Lisa e alla figlia (Web)
Andrew Webster insieme alla moglie Lisa e alla figlia (Web)

Warrington, Inghilterra – I fatti risalgono al 2 luglio scorso ma solo da poco la polizia del Cheshire sta facendo trapelare le prime indiscrezioni dell’accaduto che ha visto la morte di Andrew Webster. Andrew, 51 anni e trader, quel giorno era in fila per entrare nel negozio di articoli casalinghi Screwfix quando, dopo una litigata con un 24enne sul rispetto della fila da rispettare e sulle norme legate al distanziamento, questo sarebbe stato colpito ripetutamente fino alla morte.

La polizia fa sapere che Andrew Webster è morto dopo aver ricevuto dei pugni ed aver subito una rovinosa caduta che l’ha portato a battere la testa sul cemento. L’uomo è stato portato d’urgenza all’ospedale di Liverpool ma è morto dopo una settimana.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Coronavirus, il bollettino del 18 luglio: i dati dell’epidemia

Andrew Webster era un eroe per la moglie e gli amici

La moglie Lisa Webster che ha assistito alla scena mentre anche lei era in fila al supermercato, è sconvolta per l’accaduto ma fa sapere che ha deciso di donare gli organi del marito e ha fatto sapere i una nota che suo marito “era un eroe e la migliore persona che avesse mai conosciuto”. Andrew Webster lascia una figlia di 11 anni.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Andrea Crisanti dice addio al presidente Zaia: il motivo della decisione

Andrew Webster (Web)
Andrew Webster (Web)

Secondo Lisa Webster, suo marito non conosceva l’uomo che lo ha colpito e che ne ha causato la morte. Secondo le ricostruzioni della polizia accora sul posto, è stato arrestato un giovane di 24 anni anche se ora è stato rilasciato su cauzione in attesa del processo. La polizia ci tiene a far sapere che si tratta di un incidente isolato ma invita tutti a farsi avanti in caso di notizie o informazioni per chiudere il caso.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter.

Impostazioni privacy