Covid-19, parla il Ministro Speranza: “Esiste un nuovo rischio lockdown”

“Il rischio di un ritorno aggressivo del Covid-19 esiste”, le parole del Ministro Speranza durante l’intervista al Tg5

Speranza covid-19
Il ministro della Salute Roberto Speranza (Getty Images)

La situazione pandemica legata al Covid-19 vive un momento di appannamento in Italia. Si spera che la situazione sia accantonata per sempre, anche se dall’altra parte del mondo il contesto è decisamente tragico.

Gli Stati Uniti e in particolare il Texas, la metropoli di Los Angeles e dintorni sono le realtà odierne più colpite dalla malattia. L’estesa città, situata nel sud della California ha contato ben 12mila infetti in un solo giorno.

Due giorni fa, invece il bollettino medico-mondiale della Protezione Civile recitava 260mila infetti in sole ventiquattro ore.

infermiera coronavirus
GettyImages

Un quadro decisamente tragico, che preannuncia per gli addetti, un ritorno graduale ai tempi difficili. Oggi il coronavirus circonda l’Italia con focolai a “macchia di leopardo” lungo la penisola, ma tutti di marca straniera.

Proprio per questo motivo, il Ministro della Salute, Roberto Speranza è pronto a varare nuove misure di controllo di fronte ad un rischio che non può affatto essere sottovalutato.

LEGGI ANCHE —–> Coronavirus, il bollettino del 20 luglio: i dati dell’epidemia

Il Ministro Speranza: “Se la malattia ritorna, pronti ad intervenire”

covid-19 speranza
Roberto Speranza (Getty Images)

In un contesto di problematiche e crisi economica che il Paese sta attraversando senza ancora trovare un giusto compromesso, si aggiunge un possibile ritorno del Covid-19 ai primi albori dell’autunno.

A tal proposito è intervenuto ai microfoni del Tg5, il Ministro della Salute, Roberto Speranza che ha fatto il punto della situazione sulla base comportamentale del coronavirus in Italia.

“Dispiace dirlo, ma il rischio zero non esiste” – così Speranza si esprime sulla possibilità di varare nuovi piani di chiusura delle attività, qualora la malattia dovesse tornare in auge, come ai vecchi tempi e distribuire, dunque altro ossigeno alle categorie più a rischio.

LEGGI ANCHE —–> Coronavirus, numeri dei contagi e dei decessi a livello globale in ascesa 

“Il rischio si estenderebbe anche nel rispetto di un nuovo lockdown“, durante il quale, in passato, gli italiani hanno ben figurato, dimostrando a tutti la piena maturità nel rispetto assoluto delle regole.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche su sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter