Covid-19, il mondo ai piedi della pandemia: la previsione dell’OMS sull’Italia

Secondo la stima dell’OMS, l’Europa nell’immediato futuro andrà incontro ad un fiume di nuovi morti per Covid-19. Ecco i giorni “rossi” per l’Italia

Coronavirus
Coronavirus (Foto dal web)

All’inizio del mese di Settembre si è registrato sul bollettino della Protezione Civile Mondiale, il più alto numero di malati di Covid-19, dall’inizio della pandemia. D’altro canto, la situazione nel mondo sta degenerando e per l’intera popolazione si prospetta un futuro ancora più critico, di un quadro clinico già disperato.

L’OMS, a fronte di un ritorno a “raffiche di tempesta” del virus si è sbilanciata su una previsione che non fa ben sperare per il futuro. Per quanto riguarda la condizione dei malati di SARS Cov-2, le ultime 24 ore risultano essere le più “contestate” a livello di contagi.

Coronavirus Oms
Oms (ilfattoquotidiano.it)

Circa 308.000 sono i nuovi casi nel mondo; mumeri importanti, che rappresentano la “taglia” più alta, mai raggiunta da quando l’epidemia si è trasformata in pandemia. Agli inizi di Settembre, precisamente il giorno 6 è stata raggiunta la soglia massima degli infetti. A distanza di una settimana è in vigore l’ennesimo record, la ciliegina di un ritorno in stile “Spagnola”.

(FOTO DAL WEB)

Se in Italia, il Covid-19 sta arrancando le sue aspettative, registrando sì un forte aumento di casi, in confronto agli ultimi 3 mesi, ma meno pazienti in terapia intensiva, rispetto alle previsioni e soprattutto meno morti. Ma per gli addetti, questo dato rappresenta solo di un preludio per l’inizio di una nuova “carneficina”.

LEGGI ANCHE —–> Coronavirus: il ministro Speranza rassicura sul vaccino

Covid-19, la situazione nel mondo e il futuro dell’Italia

Covid (foto dal web)
Covid-19 (foto dal web)

Con il nuovo bollettino dell’OMS, che ha messo la popolazione mondiale a conoscenza del nuovo record di malati di Covid-19, i casi hanno superato i 29 milioni di pazienti.

Secondo una “scaletta” critica dei Paesi del mondo, al primo posto di questa “lista nera” troviamo gli Stati Uniti d’America, che arrivano a contare, ad oggi, circa 6 milioni e mezzo di abitanti, infetti e quasi 200 mila decessi.

Brasile-Covid-19
Brasile-Covid-19 – foto dal web

India e Brasile, rispettivamente seconda e terza sui gradini del podio sfiorano cime piuttosto interessanti, superando abbondantemente la soglia dei 4 milioni, nonchè arrivando quasi a contare 5 milioni di unità di infetti. Ma la posizione dei decessi risulta essere decisamente più incandescente, a causa della ultra precaria condizione sanitaria, data in “pasto” ad una popolazione che già vive, sin dalle prime radici storiche, ai margini della povertà assoluta.

Covid-19
Covid-19 (Getty Images)

Il livello di morti nelle ultime settimane è salito a più di 131 mila per quanto riguarda il Brasile e 80 mila, per l’India. Dietro le tre realtà, vittime di preferenza del Covid-19 c’è la Russia che viaggia oltre il milione di contagi.

LEGGI ANCHE —–> Oggi è il giorno del ritorno in classe, per l’Azzolina: “La scuola è il posto più sicuro”

Per quanto riguarda l’Italia, il Sistema Sanitario Internazionale ha cerchiato in rosso sul calendario, i mesi di Ottobre e Novembre, come possibili potenziali periodi in cui si potrebbero registrare nuovi record di morti, dall’inizio della pandemia.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.