Ministero dello Sviluppo Economico: in corso sgombero sede

Evacuazione in corso per il Ministero dello Sviluppo Economico in via Molise a Roma

ministero sviluppo economico
ministero sviluppo economico (getty images)

Il Covid colpisce ancora: è in corso, infatti, lo sgombero delle sede del Ministero dello Sviluppo Economico, in via Molise, a Roma. La decisione è stata dettata dalla presenza di un dipendente risultato positivo al coronavirus.

Lo sfollamento dei dipendenti si è reso necessario per l’adozione tempestiva di tutte le misure di sicurezza fondamentali in funzione antiCovid19.

Stando a quanto diffonde l’AdnKronos, ai dipendenti è stato imposto di uscire per avviare, probabilmente, l’azione di sanificazione; quindi, i lavoratori dovranno eseguire le procedure di accertamento e di controllo attraverso i test.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>>  COVID-19, IN FRANCIA SCATTANO NUOVE RESTRIZIONI E SI VARA LA “ZONA SCARLATTA”

Fuori i dipendenti dalla sede del Ministero dello Sviluppo Economico di via Molise

ministero sviluppo economico
(Getty Images)

La decisione di far sfollare i lavoratori presso il Ministero dello Sviluppo Economico di via Molise, a Roma, è stata presa in seguito ai risultati del tampone effettuato da un dipendente: l’esame, infatti, ha dato esito positivo.

Alla notizia, tutti i dipendenti sono usciti dalla sede e, quanti hanno avuto contatto con il paziente positivo, saranno sottoposti ad isolamento domiciliare, oltre che al test; mentre la sanificazione del palazzo avverrà, probabilmente, domani.

ministero sviluppo economico
(Getty Images)

Il fatto induce a una riflessione sugli aumenti dei casi di positività registrati a Roma: 135 solo in città, rispetto ai 195 di tutta la regione, e 3 decessi purtroppo. Intanto, l’Unità di crisi anti-Covid della Regione Lazio, sta vagliando l’ipotesi di istituire delle zone rosse per isolare anche solo dei quartieri e tenere sotto controllo i contagi.

In questi ultimi tempi, a preoccupare è soprattutto la scuola: si sono, infatti, già registrati numerosi casi di positività che hanno imposto la chiusura di intere classi. La soglia di attenzione, dunque, rispetto agli istituti scolastici resta sempre alta.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>>  COVID-19 ITALIA, MUORE GIOVANE DI 33 ANNI AL PRONTO SOCCORSO

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter