Io, la nuova app unica per il cittadino

E’ in arrivo l’app Io, un’unica applicazione per accedere ai servizi pubblici con cui i cittadini potranno presentare autocertificazioni, istanze e dichiarazioni nonché effettuare pagamenti tramite PagoPa. 

Io, la nuova app unica per il cittadino
Iphone (foto Pixabay)

Rischiano sanzioni i dirigenti pubblici che non predispongano l’adozione dell’app Io nella propria amministrazione, entro la fine di febbraio 2021.

Si tratta dell’applicazione prevista dal decreto-semplificazioni che permetterà ai cittadini di fruire dei servizi della pubblica amministrazione in modo più agevole.

Le amministrazioni pubbliche, cioè tutti i soggetti pubblici di cui all’articolo 2, comma 2, lettera a) del Cad e le amministrazioni pubbliche di cui all’art. 1, comma 2, del D.Lgs. n. 165/2001, dovranno quindi mettere i propri contenuti e in particolare i propri servizi nell’applicazione Io.

Rimarranno esenti dalla riforma per ora i gestori dei servizi pubblici e le società a controllo pubblico.

Leggi anche —> Covid-19, il bollettino del 25 settembre: 1.912 nuovi casi di contagio

Cosa si potrà fare con l’app Io

Io, la nuova app unica per il cittadino
Smartphone (foto Pixabay)

Grazie all’app Io i cittadini potranno effettuare autocertificazioni, istanze, dichiarazioni nonché pagamenti a favore delle amministrazioni, tramite PagoPa.

Data la centralità del servizio nel processo di digitalizzazione del paese, le amministrazioni pubbliche sono tenute ad avviare i propri progetti di trasformazione digitale entro il 28 febbraio 2021.

Le conseguenze negative per i dirigenti che non si attivino entro fine febbraio 2021

Nel caso in cui si verifichino ritardi ingiustificati ciò comporterà una valutazione negativa della performance dirigenziale: non sarà quindi raggiunto il risultato da parte dei dirigenti responsabili delle strutture competenti.

Cosa che comporterà la riduzione di almeno il 30% della retribuzione di risultato nonché del trattamento accessorio collegato alla performance individuale.

Inoltre, in conseguenza di ciò saranno vietati premi o incentivi nell’ambito delle medesime strutture.

Potrebbe interessarti anche —> Cashback di stato: con il Bonus Pos 300euro di rimborso

Io, la nuova app unica per il cittadino
Iphone (foto Pixabay)

Dal 28 febbraio 2021, inoltre, entrerà anche in vigore l’obbligo (slittato dal 30 giugno di quest’anno) per i prestatori di servizi di pagamento abilitati di utilizzare esclusivamente la piattaforma PagoPa, per i pagamenti verso le pubbliche amministrazioni.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.