70 anni di Renato Zero: il significato del suo celebre brano “Triangolo”

In occasione dei 70 anni di Renato Zero diamo uno sguardo a uno dei suoi brani più celebri: “Triangolo”. Il significato del testo che ancora oggi rappresenta un classico della musica italiana

Renato Zero
Renato Zero (foto dal web)

Oggi, 30 settembre, Renato Zero celebra i suoi 70 anni e in occasione del suo compleanno ricordiamo uno dei brani più celebri del suo repertorio. Nel 1978 l’artista pubblicò il singolo Triangolo, estratto dal suo album Zerolandia, che fece molto scalpore all’epoca. Il suo testo infatti venne considerato piuttosto trasgressivo ma questo non fermò la canzone dal diventare una delle più ascoltate e cantate dal pubblico. Ma di cosa parla, esattamente, questo brano?

LEGGI ANCHE -> Emma annuncia una collaborazione inattesa: come è nato il singolo “C’hai ragione tu”

Il significato di Triangolo, brano di Renato Zero

Renato Zero Triangolo
Renato Zero Triangolo (foto dal web)

Il testo di Triangolo racconta l’incontro organizzato con una donna in previsione di una serata da passare insieme. Ma una volta raggiunta il soggetto in questione rimarrà sorpreso nello scoprire che non è sola, accanto a lei c’è infatti un altro uomo. “Lui chi è? Come mai l’hai portato con te? Il suo ruolo mi spieghi qual’è?” chiede il cantante, per poi sottolineare quale fosse la sua convinzione: “Io volevo incontrarti da sola“. Il brano continua e la situazione si fa sempre più chiara. Nonostante il primo tentativo di farlo andare via l’uomo sembra rimanere, “Mi aspettavo lo sai / Un rapporto un po’ più normale” alludendo quindi alla volontà da parte della coppia di lasciarsi coinvolgere in un rapporto a tre.

LEGGI ANCHE -> 29 settembre di Battisti e Mogol, storia di un adulterio mai confessato

Sebbene Renato canti che “Il triangolo no / Non lo avevo considerato“, diventata poi una frase cult della cultura pop, le sue emozioni sembrano cambiare e dapprima restio appare ora quasi convinto a tentare. “D’accordo, ci proverò / La geometria, non è un reato” sembra ammettere a se stesso. Quello che a inizio canzone appariva come qualcosa di impossibile aveva attirato quindi la sua attenzione, intenzionato ora a provare questo tipo di esperienza. Sul finale spiazza poi tutti ammettendo che “Il triangolo io lo rifarei / Perché no? / Lo rifarei“, dichiarando così apertamente di essere andato fino in fondo.

Renato Zero Copertina Triangolo
Renato Zero Copertina Triangolo (foto dal web)

Ancora oggi è una delle canzoni che Renato Zero non smette di portare sul palco, coinvolgendo il pubblico che puntualmente appare in visibilio durante la sua esecuzione. Triangolo non è infatti solo uno dei suoi brani più noti, ma anche una vera perla della scena pop italiana.