Il ruolo della vitamina D nel rischio di letalità da Covid-19

Coronavirus: i livelli di vitamina D nel nostro sangue possono aiutare a prevenire pericoli per la nostra salute

Coronavirus
Covid-19 (Getty Images)

La vitamina D è da sempre alleata della nostra salute. Essa è liposolubile (ovvero si scioglie nei grassi) ed oltre al benessere delle nostre ossa, è fondamentale per mantenere attivo il sistema immunitario. Risulta benefica anche per altri componenti del nostro organismo tra cui il sistema nervoso ed il cuore. La particolarità di questa vitamina è che si comporta come fosse un ormone, agendo perciò sui diversi organi e tessuti. Già molti studi negli ultimi anni avevano dimostrato la sua importanza nella prevenzione di diverse patologie e nel trattamento di infezioni. Negli ultimi mesi è però tornata al centro dell’attenzione e delle ricerche per la sua confermata capacità di ridurre il rischio di letalità da Coronavirus.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Vitamina D bassa e Covid-19: il connubio letale

Vitamina D alleata contro il Covid

Una notizia che circola ormai da mesi, inizialmente vista in maniera scettica, è ora supportata da più studi che ne rivelano l’importanza. Una ricerca di fine aprile, pubblicata sulla rivista Aging Clinica and Experimental Research, mostra come “l’assenza di una carenza di vitamina D sia associata ad un ridotto tasso di letalità di Covid-19. Gli studiosi hanno rilevato associazioni molto potenziali tra bassi/medi livelli di vitamina D e alto numero di casi Covid, con tassi di mortalità in 20 Paesi europei. Più recentemente, uno studio pubblicato sul Journal of American Medical Association Network Open e condotto dagli esperti dell’università di Chicago ha di nuovo esaminato la relazione tra i livelli di vitamina D e la possibilità di contrarre il virus. Spiega David Meltzer dell’Università di Chicago “la vitamina D svolge un ruolo importante nel sistema immunitario, assicurando la salute delle cellule T che combattono le infezioni”. Continua “secondo i nostri dati, tuttavia, la vitamina D, pur non rappresentando una garanzia come protezione dal coronavirus, sembra essere collegata ad una minore probabilità di infezione in forma grave”.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Covid-19, la vitamina D riduce il rischio contagio: lo studio dell’Università di Torino

laboratorio covid
laboratorio covid (gettyimages)

La sola vitamina D non sarà certamente un fattore influente al 100% nella risoluzione del virus, ma svolge comunque un ruolo importante nel nostro organismo. Manteniamone un buon livello!