Violento incidente tra auto: 4 i feriti, anche una bimba di 10 mesi

L’incidente è avvenuto intorno alle 19.40 di sabato a Cordignano. Sul posto il Suem 118, i vigili del fuoco e i carabinieri. Nessuno è in pericolo di vita

Incidente Pontebbana (foto dal web)
Incidente Pontebbana (foto dal web)

CORDIGNANO – Quattro feriti, compresa una bimba di pochi mesi, questi i feriti del terribile indicente che è avvenuto intorno alle 19.40 di sabato scorso lungo la Pontebbana a Cordignano (Treviso). La notizia con gli ultimi accertamenti è stata data solo ieri nel pomeriggio perché gravi erano le condizioni di alcuni dei passeggeri coinvolti nello schianto e anche della piccola di pochi mesi.

Le dinamiche di quanto accaduto sono ancora incerte, gli agenti pensano sia stata una sbandata dovuta alla pioggia, ma è certo che a scontrarsi improvvisamente sulla carreggiata sono state un’Audi A4 nera, guidata da A.A. ragazzo di Sacile (PN), e una Volkswagen Tiguan (con a bordo mamma B.M. di 27 anni, papà e figlia di 10 mesi) guidata dal 32enne M.F. di Godega Sant’Urbano.

Leggi anche —> Tragico incidente stradale: motociclista si schianta contro un trattore

Secondo una prima ricostruzione la Tiguan si trovava in direzione Orsago mentre l’Audi proveniva dal senso opposto quando si sono scontrate frontalmente. L’Audi per lo schianto è finita completamente accartocciata contro una recinzione in un fosso a bordo strada.

Incidente Pontebbana (foto dal web)
Incidente Pontebbana (foto dal web)

Sul posto sono intervenute un’automedica del Suem 118 e tre ambulanze. Nonostante le condizioni dell’auto, tutti e tre i componenti non sarebbero in pericolo di vita. Per soccorrere il guidatore dell’Audi è stato necessario anche l’intervento dei Vigili del fuoco: estratto dal rottame, A.A. sarebbe stato ricoverato in condizioni non gravi.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.