Gesto disperato di un titolare di un bar a Lodi: tragica scoperta

Tragedia a Lodi dove un 54enne, titolare di un bar, si sarebbe lasciato andare ad un gesto disperato. La disperazione della città.

tragico gesto titolare bar
Ambulanza (foto dal web)

La disperazione sarebbe alla base di un tragico gesto compiuto dal titolare di un bar. A Lodi, un 54enne titolare di un bar che aveva aperto sei mesi fa, è stato trovato senza vita all’interno della sua attività, messa a dura prove dalle nuove misure restrittive. A svelare la tragica notizia è Il Giorno. Sull’accaduto, le autorità giudiziarie starebbero indagando per scoprire cosa sia effettivamente accaduto.

Tragico gesto di un commerciante a Lodi

Polizia e Ambulanza
(foto dal web)

La seconda ondata della pandemia sta mettendo a dura prova l’economia italiana. Con le nuove misure di restrizione, piscine, palestre, cinema e teatri hanno dovuto chiudere i battenti e le attività come bar e ristoranti sono obbligati a chiudere alle 18. Una situazione difficile che mette in pericolo la sopravvivenza delle attività commerciali. Mentre le proteste si sviluppano in diverse città italiane, da Lodi arriva una tragica notizia.

Come fa sapere Il Giorno, un uomo di 54 anni che aveva aperto un bar solo sei mesi fa, sarebbe stato trovato senza vita all’interno della sua attività. La scoperta sarebbe avvenuta dopo che, vedendo le serrande a metà, sarebbe stato lanciato l’allarme. Sul luogo sono subito giunti gli assistenti medici e la polizia. Inutili i tentativi di salvare l’uomo.

Alla base di tale gesto ci sarebbe proprio la disperazione. La notizia ha sconvolto l’intera comunità di Lodi con i clienti affezionati che piangono, oggi, la scomparsa di un uomo che, dopo sei mesi, avrebbe visto naufragare la propria attività.

Sul caso sarebbero ancora in corso tutte le indagini per capire effettivamente cosa sia accaduto all’uomo e il motivo che l’avrebbe portato a compiere un simile gesto.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.