Gigi Proietti, il radiologo svela la sua battuta prima di morire

La morte di Gigi Proietti ha scosso tantissime persone: il suo radiologo ha rilasciato alcune dichiarazioni in cui ha svelato un retroscena curioso. 

Gigi Proietti è stato sicuramente uno degli attori più amati e apprezzati dal pubblico italiano. Dopo il grande successo in ambito teatrale, il romano ha saputo conquistare anche il mondo del cinema e della televisione con la sua verve e la sua simpatia. I suoi personaggi sono conosciuti praticamente da tutti: Mandrake, il maresciallo Rocca, il pittore Cavaradossi solo per citarne alcuni. Il suo radiologo ha rilasciato alcune dichiarazioni in cui ha svelato un curioso retroscena accaduto poco prima della sua morte.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Gigi Proietti, le lacrime di Maurizio Mattioli: “Avevamo un progetto insieme” 

Gigi Proietti, il retroscena raccontato dal radiologo

Gigi Proiett
Gigi Proietti (GettyImages)

Fabrizio Lucherini, radiologo della Villa Margherita, ha rilasciato alcune dichiarazioni all’Adnkronos. Il medico ha svelato un curioso retroscena. “Quando gli ho fatto la tac, pochi giorni fa, ironizzava sulle sue condizioni: ‘Come vado? Je la faccio’, mi chiese. Non l’ho mai percepito ansioso né preoccupato. Era lui, è sempre stato lui“. Il dottore ha spiegato che il suo cuore non funzionava bene e che era stato ricoverato anche qualche anno fa. Gigi si è spento alle ore 5.30 di ieri 2 novembre. Secondo gli ultimi aggiornamenti, i suoi funerali saranno programmati per la giornata di giovedì 5 novembre a piazza del Popolo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Gigi Proiettti e lo scherzo del destino: l’enigma sulla sua data di nascita e di morte

Gigi Proietti
Gigi Proietti in “febbre da cavallo” (foto dal web)

Per evitare assembramenti all’esterno della chiesa e in piazza, il funerale potrebbe essere trasmesso da una diretta televisiva.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter