Gigi Proietti, le lacrime di Maurizio Mattioli: “Avevamo un progetto insieme”

Maurizio Mattioli ricorda commosso gli anni trascorsi in compagnia di Gigi Proietti. Poi svela l’ultimo progetto, mai realizzato.

Mattioli ricorda in lacrime Gigi Proietti
Gigi Proietti (foto dal web)

È morto ieri a Roma Gigi Proietti, grande icona dello spettacolo italiano di tutti i tempi. In giornata centinaia e centinaia di persone si sono recate alla camera mortuaria per rendere un ultimo saluto al grande attore. Oltre ai fan, l’affluenza ha riguardato principlamente amici e colleghi, che negli anni hanno avuto il privilegio e l’onore di calcare con lui i palchi più importanti d’Italia. Il Messaggero ha raccolto la testimonianza di alcuni di essi ed in particolare di Maurizio Mattioli, amico di vecchia data del famoso “mattatore” romano. Mattioli ha ricordato Proietti come un uomo di grande sagacia e immensa cultura. Poi ha parlato di un progetto mai realizzato insieme.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Nuovo Dpcm, lockdown solo in alcune Regioni: come funziona

Gigi Proietti, il ricordo di Maurizio Mattioli

Maurizio Mattioli in lacrime ricorda Gigi Proietti
Maurizio Mattioli (foto dal web)

“Se ne è andato via un pezzo forte” così Maurizio Mattioli ha parlato di Gigi Progetti, suo collega, ma anche intimo amico. I due hanno condiviso tutto: lavoro, tempo libero ed uno spropositato amore per per Roma e per la Roma. “Si andrà a mettere accanto a Sordi e a Fabrizio (Frizzi)” ha detto Mattioli con la voce spezzata. “Hanno rappresentato Roma, la nostra cultura”.

Il comico si è poi detto felice dell’affluenza che è stata riservata alla camera mortuaria, soprattutto tenendo conto del clima in cui stiamo vivendo. Se non ci fosse stato il problema del Covid – ha spiegato – qui ci sarebbe stata l’apocalisse… e se lo sarebbe meritato”.

Quando gli hanno chiesto se ricordasse un aneddoto in particolare, Mattioli ha specificato che ce ne sarebbero troppi. “Con Gigi si entrava al bar dopo le prove e si usciva alle 6 di mattina” ha ricordato. E poi ha raccontato che avevano in mente di mettere in scena il Falstaff di Shakespeare. Gigi Proietti aveva una grande cultura e – a detta di Mattioli – conosceva Shakespeare a menadito.

Gigi Proietti Maurizio mattioli lo ricorda in lacrime
Gigi Proietti, la sua immagine sul Colosseo (forto dal web)

Da parte dell’attore c’è ora il desiderio che la città di Roma dedichi a Proietti un teatro tutto suo, così da conservare per sempre la memoria collettiva.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Gigi Proietti e la sua Roma, un amore intramontabile: “Ci ha creduto fino all’ultimo”

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter