Denti bianchissimi, ecco qualche rimedio naturale per un sorriso perfetto

“Una persona sembra più bella quando sorride”, diceva la commediografa e scrittrice britannica Frances Hodgson Burnett. Ed è impossibile darle torto dato che il sorriso è il nostro principale biglietto da visita. Per questo è importante avere i denti bianchi e curati e un alito sempre fresco e profumato. In questo articolo ti spiegheremo come fare per sbiancare i tuoi denti e avere un’impeccabile igiene orale.

Denti bianchissimi
Ecco i segreti per avere denti bianchissimi e alito profumato (Joey Velasquez da Pixabay)

Dì la verità, quante volte hai pensato di sbiancare i denti per avere un sorriso da urlo? Siamo pronti a scommettere però che il dentista con tutte quelle sue attrezzature ti mette una gran paura. Effettivamente hai ragione, non è piacevole dover sedere su quella poltroncina. Allora in questo articolo ti spiegheremo come fare per avere un sorriso perfetto anche senza ricorrere troppo spesso a quegli “strumenti di tortura” dell’igienista dentale!

Sapevi che ci sono cibi e bevande che macchiano i denti?

Le macchie sui denti sono le principali nemiche del tuo sorriso perché oltre a essere anti estetiche sono veramente difficili da mandare via. Ma come fanno a formarsi e a lasciare quegli orribili segni?

Gli aloni si formano quando sostanze colorate di vario tipo si fissano sullo strato superficiale dei denti cioè sullo smalto. Il problema vero però è quando arrivano in profondità, fino alla dentina.

Prima di arrivare a quel punto possiamo darti qualche consiglio su i cibi e le bevande che è bene evitare o limitare per non avere i segni sui denti.

L’elemento nemico della brillantezza per antonomasia è il caffè. Purtroppo è così però, si sa, il caffè in alcuni momenti della giornata è indispensabile e soprattutto al mattino ti accende il sorriso.

Ma non vogliamo privarti di questo piacere indispensabile. Basta solo seguire qualche piccola regola. Innanzitutto impegnati a lavare i denti e la lingua dopo ogni caffè, questo ti aiuterà a ridurre il tempo d’esposizione ai polifenoli che sono i principali responsabili della colorazione dei denti.

Un’altra regola da seguire è quella di smettere di sorseggiare caffè durante tutto l’arco della giornata. Lo sappiamo che un termos con il caffè ti fa compagnia, specialmente mentre sei in ufficio. Così facendo non solo assumerai dosi giornaliere di caffeina che il tuo corpo non richiede ma soprattutto avrai sempre i denti sporchi.

Non solo il caffè è nemico giurato del sorriso splendente ma anche il tè nero e il vino rosso tendono a macchiare i denti poiché sono bevande contenenti coloranti o a pigmentazione scura.

Ci sono anche degli alimenti a pigmentazione scura particolarmente capaci di macchiare i denti come i mirtilli e i frutti rossi, le barbabietole, il curry, la salsa di soya, le caramelle e i dolci.

Fino a questo momento abbiamo spiegato come gli alimenti a pigmentazione scura lascino i segni sui denti e li ingialliscano nel tempo. In realtà, però, non solo i cibi scuri sono in grado di rovinare il tuo sorriso ma anche quelli con un alto ph acido come aceto e sottaceti, salsa di pomodoro, cola cola e bevande gassate o energetiche.

Infine, nemici del sorriso ammaliante sono anche i carboidrati raffinati, come pane bianco e crackers che tendono a ingiallire i denti e favoriscono la formazione di carie perché sono un concentrato pericoloso di zuccheri raffinati.

Fumare fa male anche ai denti

Sigaretta
Il fumo ingiallisce i denti però ci sono dei piccoli accorgimenti per limitare il danno (Free-Photos da Pixabay)

I danni del fumo sui denti sono immediatamente evidenti. Il fumo lascia sulla superficie dello smalto una patina giallastra che è impossibile da eliminare. Per questo motivo, se vuoi mantenere i tuoi denti splendenti, la prima cosa da fare sarebbe quella di gettare via il pacchetto di sigarette.

Per altro, a trarne giovamento non saranno solo i tuoi denti ma anche la tua pelle e soprattutto i tuoi polmoni. Tuttavia qualche piccolo gesto di prevenzione è possibile.

Innanzitutto, se sei un fumatore devi assolutamente prestare un’attenzione maniacale all’igiene orale. Lava i tuoi denti subito dopo ogni pasto e, se possibile, usa un dentifricio studiato per fumatori.

I dentifrici per i fumatori sono particolari perché, rispetto a quelli normali, contengono più ingredienti abrasivi come bicarbonato di sodio o ossido di alluminio. Questo è un aiuto importante per la rimozione del catrame e della nicotina.

Chiaramente, se sei un fumatore la tua attenzione all’igiene orale deve essere tripla. Dunque oltre a lavare spesso i denti e usare un dentifricio specifico ti consigliamo di non dimenticare mai di passare il filo interdentale e di fare sempre i gargarismi con un buon collutorio sbiancante.

Detto ciò, se hai il brutto vizio di fumare le sigarette oltre a seguire i nostri consigli usando i prodotti naturali che ti consigliamo in questo articolo è importante farsi seguire da un bravo igienista dentale.

Prima di iniziare a spiegarti quali sono i rimedi fai da te per sbiancare i denti è doveroso aprire una piccola parentesi sulla sigaretta elettronica.

Al momento non ci sono studi scientifici che dimostrano che la sigaretta elettronica sia dannosa. Vero è che si evita il catrame e tutto ciò che riguarda la combustione del tabacco. Tuttavia, spesso le miscele e gli aromi delle sigarette elettroniche non sono di prima qualità e questo fa dubitare gli esperti anche sull’eventualità di macchie permanenti allo smalto.

L’igiene orale è al primo posto

Igiene orale
Non si può parlare di rimedi sbiancanti naturali se non si ha un’igiene orale impeccabile (Martin Slavoljubovski da Pixabay)

Prima ancora di parlare di rimedi fai da te per avere un sorriso fantastico bisogna precisare che qualsiasi rimedio della nonna o pianta officinale non può prescindere da un’accurata e impeccabile igiene orale.

Già, perché è impossibile avere denti bianchi e perfetti se non si ha cura di lavare correttamente i denti. Come prima cosa bisogna parlare della frequenza con cui ci si prende cura dei denti. Quante volte al giorno lavi i tuoi denti? Se la tua risposta è “solo al mattino” o “solo la sera” o (peggio ancora) “non ricordo” siamo sulla strada sbagliata.

Non disperare, però. Siamo qui per questo, per aiutarti ad assumere comportamenti quanto più corretti possibile.

Innanzitutto bisogna lavare i denti sempre dopo i pasti. Questo vuol dire che è preferibile che tu ti occupi dell’igiene della tua bocca anche dopo la merenda o lo spuntino. La bocca deve sempre essere pulita per due motivi. Il primo è che così facendo non rimarranno residui di cibo tra i denti e questo impedirà l’insorgere delle fastidiosissime carie.

Il secondo è che più ti occupi dell’igiene del cavo orale e più i tuoi denti risulteranno bianchi e meno propensi a macchiarsi. Buona abitudine è quella di sciacquare la bocca con il collutorio subito dopo aver lavato i denti.

Poi, almeno la sera è bene che passi il filo interdentale tra i denti. E’ vero che è un’operazione lunga e noioso ed è anche vero che ad alcune persone fa un po’ specie introdurre il filo nello spazio invisibile tra un dente e l’altro ma è altrettanto vero che solo così sarai certo di aver eliminato qualsiasi residuo di cibo.

Infine, per prendersi cura della propria bocca a 360° è importante farsi fare una pulizia dei denti da un igienista dentale almeno una volta l’anno. Qualcuno consiglia addirittura di recarsi da uno specialista non una ma ben due volte l’anno.

A tal proposito ci sono diverse scuole di pensiero. C’è chi è fermamente convinto che una volta l’anno sia sufficiente a mantenere la bocca in salute. Qualcuno però ritiene che la formazione del tartaro avviene prima e il tartaro crea “l’ecosistema” adatto alla formazione delle carie.

In ogni caso, fatti consigliare dal tuo dentista di fiducia perché in questi casi è sempre meglio affidarsi al parere di un esperto.

Rimedi fai da te per un sorriso brillante

Dentatura perfetta
Esistono rimedi fai da te per sbiancare i denti con prodotti naturali al cento per cento (Caique Silva Fotografo da Pixabay)

Come abbiamo già detto in precedenza, ci sono dei metodi per avere denti bianchi e sani ed evitare di ricorrere troppo spesso alla pulizia dei denti.

Innanzitutto, bisogna precisare che anche se è vero che le cure odontoiatriche sono fastidiose è bene sottoporsi al controllo del dentista o di un igienista dentale almeno una volta l’anno per mantenere in salute il cavo orale.

Detto ciò possiamo passare a elencare tutti i metodi fai da te per mantenere i denti bianchi e splendenti con prodotti naturali al cento per cento.

Il bicarbonato è lo sbiancante per antonomasia infatti viene molto spesso usato come sgrassante per le superfici di acciaio. Ebbene sì, il bicarbonato di sodio è un elemento ricco di proprietà per la salute ed è anche un prodotto naturale che si trova facilmente e a poco prezzo nella stragrande maggioranza di negozi e supermercati.

Come usarlo per sbiancare i denti? Basta emulsionare un cucchiaio di bicarbonato con qualche goccia d’acqua. Una volta ottenuta una pasta di una consistenza simile a quella del dentifricio basta strofinarlo con un dito o con un cotton fioc sui denti. In questo caso l’azione sbiancante viene esercitata per abrasione.

Attenzione a dosare bene l’uso di questo intruglio perché se da un lato il bicarbonato di sodio elimina le macchie e le imperfezioni, dall’altro l’aumento del pH del cavo orale esercitato dal bicarbonato altera la flora batterica della bocca e dunque va ben dosato per evitare di mettere a rischio la salute dentale.

Tra i rimedi più comuni per sbiancare i denti c’è l’uso della salvia. Hai capito bene, la salvia. Si tratta di un’erba aromatica molto profumata e usata in cucina le cui foglie hanno un colore argenteo e risultano molto morbide al tatto, somigliano quasi al velluto.

Si tratta di un rimedio molto antico impiegato con successo per ottenere denti bianchi e alito fresco. Il consiglio che ti diamo è quello di prendere sei o sette foglie di salvia. Abbi cura di scegliere quelle più grandi e “callose”. Lava accuratamente le foglie sotto l’acqua fresca e asciugale. Poi, strofinala per bene su ogni dente, sia all’esterno che all’interno.

Anche questo antico rimedio ha dei punti di forza e delle criticità che vanno considerate con attenzione. In più, la salvia è un modo quasi infallibile per rimuovere le macchie formatesi sulla superficie dei denti. Non solo, ha anche un discreto effetto antibatterico e dunque è un rimedio molto efficace contro i disturbi dell’alito cattivo.

Tuttavia bisogna prestare molta attenzione quando strofini le foglie sui denti perché a causa dello sfregamento potresti andare a urtare i collettini dentali e dunque un utilizzo smodato della salvia come sbiancante naturale può aumentare la tua sensibilità dentinale.

Adesso veniamo a due frutti il cui succo e l’olio che secerne la buccia vengono spesso utilizzati in cosmesi proprio grazie alle loro proprietà. Stiamo parlando del succo e della buccia del limone e di quella dell’arancia.

Del limone, infatti, viene utilizzata sia la buccia che il succo. Il succo, è ormai noto, che ha delle proprietà sbiancanti e disinfettanti. Esso è particolarmente indicato per sbiancare i denti gialli causati dal fumo di sigaretta.

Mentre il succo puoi miscelarlo al bicarbonato, la buccia di arancia o di limone la puoi strofinare sui denti esattamente come per la salvia.

Presta moltissima attenzione però a non abusare soprattutto del succo del limone perché se è vero che esercita il suo incredibile potere sbiancante è altrettanto vero che l’eccessiva acidità del succo di limone può rovinare lo smalto dei tuoi denti.

Infine, veniamo al più antico dei rimedi che è anche quello meno utilizzato ai giorni nostri: la cenere. Può sembrarti inverosimile eppure è tutto vero e funziona molto bene. Si tratta di uno di quei rimedi della nonna che non tutti conoscono e che una volta che metterai in pratica capirai quanto è efficace.

L’azione sbiancante è dovuta all’idrossido di potassio contenuta nella cenere. Il rimedio, come dicevamo, è veramente molto efficace ma bisogna utilizzarlo con delicatezza e soprattutto con moderazione. L’idrossido di potassio contenuto nella cenere può causare bruciore alla bocca.

Dunque, potresti farlo una volta al mese prendendo un cucchiaio di cenere fredda e puoi passarla con delicatezza sui denti avendo cura di non passarla sulle gengive. Ti raccomando di usare della cenere fredda prelevata da un fuoco spento da qualche ora.

dentifricio fai da te
Dal bicarbonato di sodio alla salvia, dalla cenere all’aceto di mele, ecco qualche rimedio “fai da te” per un sorriso brillante (Anaïs CROUZET da Pixabay)

Infine, un’azione sbiancante può essere esercitata anche dall’aceto di mele. In questo caso puoi immergere un batuffolo di cotone in un po’ di aceto e strofinarlo sui denti. Anche qui, il rimedio è abbastanza efficace però l’eccessiva acidità dell’aceto può causare danni allo smalto che è fondamentale per tenere i denti in salute.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter