Era il bambino della Bauli, oggi è una vera e propria star – FOTO

Era il bambino protagonista della famosa pubblicità della Bauli nel 1988. Oggi ha 40 anni e lo avete visto in molti più film di quanto pensiate.

Bambino Bauli Elio Germano oggi
Il bambino della bauli (foto dal web)

Vi ricordate il bambino che all’età di soli 8 anni fu reclutato per lo spot della Bauli? Oggi ha 40 anni ed è un uomo di successo. Attore, ma anche regista cinematografico e teatrale: Elio Germano ne ha fatta di strada. Proprio così, il bambino della Bauli ed il protagonista della nuova pellicola Netflix, L’isola delle rose, sono in realtà la stessa persona.

Scopriamo insieme come Elio Germano è arrivato ad essere l’artista che è oggi.

Leggi anche -> In questa foto ci sono quattro cantanti famosissimi all’inizio della loro carriera. Li riconoscereste?

Elio Germano, il bambino della Bauli è oggi un attore e regista di successo

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Netflix Festival (@netflixfestival)

Leggi anche -> Carlo Verdone, FOTO ricordo con due illustri ospiti in barca. Li riconoscete?

Un talento naturale quello di Elio Germano, che all’età di soli 8 anni debuttava nello spot della Bauli. Da allora la sua avventura in tv non si è mai arrestata. Nel 1993, a 12 anni, debutta nel mondo del cinema con Ci hai rotto papà. La notorietà giunge però nel 2007, quando si aggiudica il David di Donatello come Miglior attore protagonista con Mio fratello è figlio unico. Gli altri due David di Donatello gli derivano da La nostra vita e Il giovane favoloso. In quest’ultimo film, l’attore veste i panni di Giacomo Leopardi.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Teatro De’ Servi (@teatroservi)

Nella sua vita, Elio Giordano ha recitato con tutti i migliori registi della nostra generazione. Solo per citarne alcuni: Giovanni Veronesi (Che ne sarà di noi), Michele Placido (Romanzo criminale), Paolo Virzì (N – Io e Napoleone, Tutta la vita davanti).