Eleonora Daniele in studio si ferma e lascia tutto: “Ora basta però”

Su Storie Italiane si è parlato di un caso di cronaca che ha sconvolto tutti e la conduttrice vorrebbe iniziare una battaglia per chiedere una regolamentazione alla Rete.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Eleonora Daniele Official (@eleonora_daniele_official)

Eleonora Daniele nella puntata di Storie Italiane ha parlato di un caso di cronaca che ha fatto scalpore e che sta facendo il giro del web.

Si tratta di una bambina di 10 anni che ha perso la vita per una Challenge su Tik Tok, strangolata con una cintura.

Si trattava di una sfida chiamata Blackout, una prova di soffocamento estremo che ha fatto fermare per sempre il cuore della piccola.

La giornalista di Rai uno se n’è occupata nel suo programma e non è riuscita a mandare giù che una bambina possa essere morta in tal modo per un gioco così diseducativo apparso su un social alla portata dei più giovani.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE –> Challenge su TikTok, non ce l’ha fatta la bambina ricoverata in ospedale – Video

La reazione di Eleonora Daniele

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE –> Tik Tok, stretta del Garante della privacy dopo il dramma della bimba di Palermo

Queste sfide agli adolescenti e ai bambini non devono proprio arrivare”, ha esternato la neo-mamma.

Storie Italiane è stato spesso premiato dal Moige (Movimento genitori) per i messaggi che vengono lasciati in ogni puntata.

La Daniele vorrebbe intraprendere una vera e propria battaglia per cambiare la regolamentazione interna di social come Tik Tok che possano filtrare i contenuti e censurare quelli più pericolosi come queste Challenge che negli anni hanno portato alla morte di più di un ragazzo.

Molte volte non si riesce a fermare questo vero e proprio giro della morte che colpisce i più piccoli e anche più ingenui che entrano in questo vortice che li porta alla morte.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Non è possibile che i social non pongano una censura su questi contenuti! Servono delle leggi, perché se si avanti così la storia non cambia!, sbotta la conduttrice di Rai uno che è diventata mamma da pochissimi mesi ed è ancora più preoccupata al pensiero che possa essere avvicinata da pericoli del genere senza alcuna tutela per i più giovani.