“Sono preoccupato per Navalny”: Biden chiama Putin

Il nuovo presidente degli Stati Uniti ha espresso la sua preoccupazione per la salute del dissidente politico.

Oggi, 27 gennaio, il neoeletto presidente degli Stati Uniti ha chiamato il leader del Cremlino Vladimir Putin. A dare la notizia è stata la portavoce della Casa Bianca Jen Psaki. Durante il colloquio telefonico, il presidente della Federazione Russa si è congratulato con il leader americano per gli impegni presi già a pochi giorni dall’inizio del suo mandato. Tra gli argomenti discussi vi è soprattutto la normalizzazione delle relazioni tra Mosca e Washington; un legame benefico per gli interessi di entrambi i paesi.

Secondo quanto riporta il notiziario russo известия (Izvestija), durante il colloquio telefonico, i due leader hanno discusso del rinnovo del trattato Start sugli arsenali nucleari e sulle armi strategiche. Il nuovo presidente Usa ha esteso la sua preoccupazione sull’interferenza russa nelle elezioni statunitensi, a causa della massiccia campagna di cyber-spionaggio contro il governo americano, e sulle presunte taglie per l’uccisione dei soldati americani in Afghanistan. Joe Biden ha inoltre espresso “un forte sostegno alle autorità dell’Ucraina”, sostenendo che gli Usa saranno sempre con Kiev nella lotta contro l’aggressione russa.

LEGGI ANCHE >>> Uomo abbandona due fratellini nel bosco: tragica morte per uno di loro

Caso Navalny, Biden: “Sono preoccupato”

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Uomo abbandona due fratellini nel bosco: tragica morte per uno di loro

Il segretario stampa della Casa Bianca, Jen Psaki, ha riferito che la preoccupazione di Joe Biden si è sollevata soprattutto riguardo al trattamento dei membri dell’opposizione da parte delle autorità russe, compreso “l’avvelenamento di Alexei Navalny”. Il leader dell’opposizione, nonché promotore delle manifestazioni anti-corruzione, ha rischiato la vita l’anno scorso a causa di un avvelenamento da Novichok, una potente neurotossina che inibisce il normale metabolismo cerebrale. È passata solo una settimana dal suo arresto nella stazione aeroportuale di Sheremetyevo. L’oppositore del Cremlino è attualmente in detenzione a Mosca e, durante questo fine settimana, la polizia ha effettuato ulteriori arresti di massa tra i suoi sostenitori, le cui rivolte e proteste si sono accese in vie e piazze di numerosi paesi.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Oltre a sollevare il caso di Navalny, Joe Biden ha segnalato gli “ingiusti trattamenti dei manifestanti pacifici da parte delle forze di sicurezza russe.” Jen Psaki ha dichiarato che “l’intenzione di Biden è rendere chiaro che gli Stati Uniti agiranno fermamente in difesa degli interessi nazionali in risposta alle azioni maligne della Russia”.

Fonte известия (Izvestija), The Times