Oggi è un altro giorno, Daniela Poggi svela un particolare della sua vita

A “Oggi è un altro giorno” l’ospite del 16 marzo è Daniela Poggi, ex conduttrice di Chi l’ha visto, che racconta i dettagli della sua vita privata e professionale.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da D A N I E L A P O G G I (@daniela_poggi_official)

Daniela Poggi, classe 1977, ballerina, modella, attrice, conduttrice. La sua carriera artistica iniziò a Sanremo con i Mattia Bazar ma la sua bellezza e il suo talento sono state notate in un villaggio vacanze.

Mi dissero – dice Daniela Poggi a Serena Bortonetu sei un animale da palcoscenico. Infatti poi passavo da un personaggio all’altro, mi immedesimavo. Facevo piangere tutti per come riuscito a interpretare i miei personaggi“.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Oggi è un altro giorno, Claudio Gioè: “Quando l’avvocato di Riina disse che ero stato bravo”

La vita privata, i flirt e la carriera della bellissima Daniela Poggi

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Oggi è un altro giorno, Muriel: “Quando il prof di italiano mi disse hai la pancia”

Daniela Poggi è una “figlia d’arte”, la madre era stata miss Sorriso e miss Savona ed è così che lei, appena nata, fu nominata miss Bebè. “Sono nata un po’ protagonista, lo devo ammettere“, dice la bella conduttrice.

Intervistata da Serena Bortone, Daniela Poggi racconta della sua infanzia, dei suoi sogni, del rapporto con i suoi genitori e anche di alcuni flirt che le hanno attribuito.

Sognavo di diventare hostess – dice – di viaggiare, di parlare tantissime lingue. Ma alla fine dovetti andare a studiare in collegio e mi sono fatta dei bei pianti perché sono stati molto duri con me ma io ero molto ribelle perché non ho mai amato le regole imposte“.

“Ti basti pensare cara Serena – continua la Poggi – che a quel tempo non si potevano portare i pantaloni e io ho dovuto combattere, abbiamo lottato parecchio per poterli indossare dunque immagina che lotte“.

Poi Daniela Poggi racconta alla conduttrice di Rai 1 del rapporto con la madre, soprattutto della malattia della madre che tanto le ha provocato dolore ma le ha fatto scoprire anche cose straordinarie.

Mia mamma – racconta – si è spenta con l’Alzheimer, sono diventata madre di mia madre e mentre prima la combattevo quella malattia poi ho capito che non potevo fare altro che accoglierla. Mi ha lasciato delle ferite ma mi ha dato anche la capacità di amare oltre quello che ti viene dato perché lei in certi momenti non capiva e non sapeva nemmeno chi io fossi.

Con i malati di Alzheimer – continua devi andare molto oltre, devi far affiorare cose che solo la fede riesce a darti. Io sono sempre stata credente anche se in gioventù non ero praticante. La fede è il mio ossigeno, la mia acqua che mi riempie la vita”.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Poi, la conduttrice Serena Bortone la provoca e cita un suo presunto flirt con Walter Chiari ma Daniela Poggi reagisce immediatamente: “Io e Walter Chiari non abbiamo avuto nessun flirt, aveva 30 anni più di me. Fu un grande amico di mio padre a chiedere se potevo fare un provino con Walter Chiari, lui era un grande amico di famiglia“.

Alla domanda di Serena Bortone a proposito dell’amore e del suo desiderio di innamorarsi risponde: “Voglio ancora innamorarmi. Io mi innamoro tutti i giorni, di una frase, do un’immagine, di un sorriso, mi innamoro sempre della vita. La mia è una vita di empatia. La figura maschile oggi deve assumere un ruolo diverso ma non si può vivere senza amore. Ho bisogno di amare e di essere amati”.

Infine, Daniela Poggi racconta dell’esperienza professionale più importante della sua vita, quella che l’ha consacrata al grande pubblico: Chi l’ha visto.

Chi l’ha visto – dice – è stata l’esperienza professionale più importante della mia vita perché vieni a contatto con migliaia di persone e la bellezza di quel programma è mettersi al servizio totalmente per cercare di aiutare. La cosa che mi ha ferito tanto è vedere le ingiustizie. Spesso le persone più umili non avevano la possibilità non solo di dimostrare la propria innocenza ma anche denunciare una determinata situazione”.