X-Factor, partecipò al programma: il suicidio senza senso

A soli 25 anni si è spenta una delle migliori interpreti salite alla ribalta grazie al fortunato talent X-Factor

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da 🔥🍒ALYSSA🍒🔥 (@alyssamarieartistry)

I motivi che il 5 settembre 2014 hanno spinto la giovane promessa della musica Simone Battle a togliersi la vita nella sua casa di West Hollywood resteranno per sempre un mistero probabilmente. A distanza di anni infatti la famiglia gli amici della giovane artista non possono fare a meno di porsi domande purtroppo destinate a non avere risposta. Il talento di Simone Battle è riuscito a prendersi lo spazio che meritava grazie alla sua partecipazione all’edizione del 2011 di X-Factor negli Stati Uniti. La sua carriera nel mondo dello spettacolo era però iniziata alcuni anni prima con le sue partecipazioni a sit com di successo come “Zoey 101” e “Tutti odiano Chris“. Esibendosi sul palco del famoso talent con il brano “When I Grow Up” delle Pussycat Dolls, Simone riuscì decisamente a farsi notare e ad entrare nel cuore di milioni di telespettatori. Il loro affetto e il suo talento le hanno permesso di proseguire fino alle prime trasmissioni serali del programma.

LEGGI ANCHE -> Chester Bennington, la storia del cantante depresso che si è suicidato

Il successo di Simone Battle dopo X-Factor

LEGGI ANCHE -> Madame: da vittima di bullismo al successo. É uscito il suo nuovo album 

Come spesso è accaduto nonostante non fosse riuscita a conquistare la finale di X-Factor Simone Battle è riuscita comunque ad emergere. Dopo aver intrapreso la strada da solista con la pubblicazione del brano “He Likes Boys” la Battle entra a far parte delle Pussycat Dolls sostituendo Amanda Branche. Nel 2013 inizia un nuovo ciclo artistico per la famosa formazione di ragazze che continuano il loro percorso con una nuova band dal nome G.R.L. Il gruppo inizia quindi a macinare successi e ad esibirsi con collaborazioni importanti come quella di Britney Spears e il rapper Pittbull.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter

L’artista stava quindi vivendo un momento di grande successo con una carriera che da pochi anni le si era spalancata offrendole già grandi soddisfazioni. Per un motivo che resterà per sempre un mistero Simone Battle ha deciso invece di farla finita. Il suo corpo senza vita sarà ritrovato impiccato nella sua casa di West Hollywood il 5 settembre del 2014. Immediatamente milioni di fan e diverse personalità del mondo dello spettacolo sentirono il bisogno di rendere omaggio ad una stella che si è spenta troppo presto.