Mario Draghi annuncia le misure fino al 30 aprile, i dettagli – VIDEO

Mario Draghi ha annunciato quelle che saranno le prossime misure in vigore fino al 30 aprile. Vediamole nel dettaglio.

Quello che già si percepiva nell’aria è stata confermata – con grande rammarico – dal nuovo provvedimento emanato da Mario Draghi. Addio zone gialle, almeno fino al prossimo 30 aprile. Questo è uno degli aspetti cruciali su cui si è pronunciato il Presidente. Una notizia che sicuramente tuona e che costringe gli italiani, ancora una volta, a vedersi ridotti spostamenti e attività da poter compiere.

L’Italia quindi si “vestirà” solo di rosso o arancione. Il punto innovativo riguarda le scuole: anche nelle zone rosse rimarranno aperte fino alla prima media, confermata la DAD per gli altri gradi, un punto su cui peraltro si è soffermato il premier nel corso dell’ultima conferenza stampa. Alla cabina di regia sulle misure anti-Covid hanno partecipato tra i tanti, i ministri Roberto Speranza, Dario Franceschini, Mariastella Gelmini, Elena Bonetti oltre ai membri del Cts Silvio Brusaferro e Franco Locatelli.

Decisioni che faranno molto discutere.

LEGGI ANCHE -> Covid-19, il bollettino del 25 marzo: 23.696 nuovi casi di contagio e 460 vittime

Matteo Salvini, lo sfogo contro il premier Mario Draghi

LEGGI ANCHE -> Covid, scoperta in Val D’Aosta variante nigeriana resistente al vaccino

…Chiediamo al presidente Draghi che dal 7 aprile, almeno nelle regioni e nelle città con situazione sanitaria sotto controllo, si riaprano (ovviamente in sicurezza) le attività chiuse, a partire da ristoranti, teatri, palestre, cinema, bar, oratori, negozi…questo è solo un frammento del lungo post di Matteo Salvini. Il Leader della Lega infatti si è lasciato andare in uno sfogo social qualche minuto fa, apprese le nuove misure e l’assenza del “giallo” fino al 30 aprile.
Una manovra che il politico ritiene impensabile, contro il buonsenso e soprattutto – sottolinea – valutando i dati medici e scientifici. Il post di Salvini è subito diventato virale, tantissimi gli utenti infatti criticano questa decisione.
Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Roberto Speranza (@robertosperanza79)

Nessuna replica ancora da altri esponenti, tra cui il Ministro Roberto Speranza.